PENSIERINI DELLA SERA…

Leggendo il post di R ho pensato alle piantine..quelle piccole..io sono negatissima con ogni forma di vegetale verde,blu, rosso, lilla…ma c’è stato un tempo che per due anni sono stata la baby-sitter di una violetta…(uccisa poi da minus..)…e avevo imparato a bagnarla ogni sabato mattina..io e lei lo sapevamo..arrivavo con la mia piccola caraffa d’acqua e splash…si vede che funzionava, perchè ogni tanto spuntavano bellissimi fiorellini viola…non era un baobab, nè una quercia, nè un salicepiangente..era una piantina.
e in fondo, a ben vedere, anche i rapporti tra gli esseri umani funzionano allo stesso modo…possono essere importanti , grandissimi, occupare uno spazio immenso…oppure piccoli, delicati, fragili…ma hanno vita nel momento in cui dai vita..nel momento in cui versi acqua…se lasci scivolare tra le dita sabbia  piano piano si inaridiscono..e un giorno, senza che neanche tu te ne accorga, non ci sono più…solo sabbia, una montagna di aridità.

minnie-nanna

Violetta

Annunci

6 risposte a “PENSIERINI DELLA SERA…

  1. Io sono innamorato del ficus accanto alla porta di casa..

  2. pessima giardiniera cerca reminder per innaffiature 🙂

  3. non mi sono mai innamorata di un ficus..forse any potremmo provarci, che dici?……ma non quello di mirror, che sarà geloso..
    buona giornata a voi..c’è un bel cielo londinese..a torino.

    minnie-mercoledì

  4. ahimè a volte forse si esagera con l’acqua…non è facile trovare la misura. La mia violetta era quasi morta affogata, poi è guarita tenendola un po’ a secco…e sai, a me non sembra, anzi sono sempre stata convinta di essere equilibrata, di non asfissiare troppo le persone, e in particolare gli uomini che ho amato, di lasciare loro spazio, davvero, ma anche lì a volte esagero con l’acqua, mi sa, a volte sarebbe meglio sparire e basta…

  5. c’era una volta un fiore, profumato, colorato, delicato, raro, unico.
    l’ho curato a lungo, con pazienza e perizia, accarezzando i petali con tenerezza ed ammirandone la perfezione.
    senza invadenza, con dolcezza.
    poi, mi sono accorta che non bastava, perchè a curarlo ero da sola.
    e sta morendo, adesso, poco per volta, si avvizzisce e si frantuma.
    non ne dimenticherò lo splendore.

  6. io ho fatto seccare una pianta grassa. dico solo questo. la tengo ancora lì, stecchita e orrenda, a monito….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...