QUANTO VUOI, BELLA ?

D. ha scritto un post su una proposta indecente da lei ricevuta.

Vorrei cercare di capire cosa spinge un uomo a pagare una donna per avere sesso.

Premetto che trovo gli uomini un pò ipocriti..o tutti santi : mai trovato uno, dico uno, che mi abbia detto : io a puttane ci sono andato. Ho pagato.

Tutti belli a dire nooooo…che scheeeeeeerzi..iooooooo mica ho bisogno di pagareeeeee.

A no?..Allora chi sono quelli che si fermano alle 8 del mattino sui vialoni con i suv a parlare con le nigeriane?..quelli che alle 7 di sera si bloccano davanti alle tette di una piccola rumena?..Tutti gobbi-di-notre-dame?..Tutti con la faccia butterata e il pisello storto?..

Mi sembra che su questo argomento nessuno sia sincero fino in fondo, nessuno dichiari che sia un gioco affascinante e un pò perverso tirare fuori 100 euro dalla tasca e vedere una donna che si piega su di te : potere dei soldi, nessuna implicazione sentimentale, nessun impegno a farla godere : in quel momento sei il padrone e lei obbedisce.

E le donne normali?..Non quelle che si vendono e quindi fanno un mestiere..no, le altre..quelle che studiano, fanno le casalinghe, e si fanno scopare per 500 euro…chi sono loro?

A me non eccita l’idea che il mio uomo arrivi e mi lasci 100 euro per la prestazione…non lo trovo un gioco erotico..neanche squallido…non lo trovo e basta.

Nessun giudizio morale, nessuna condanna, se non constatare che esistono mondi paralleli dove ci vanno i nostri vicini, i nostri mariti, le nostre compagne, e noi non ne sappiamo nulla.

Ma neanche loro di noi.

Annunci

19 risposte a “QUANTO VUOI, BELLA ?

  1. eh sì, neanch’io ho conosciuto nessuno che lo ammetta….magari lo ammettono tra di loro ma non con le donne? sicuramente non sono santi, quindi saranno ipocriti (non sarebbe il primo campo nel quale lo sono…) nemmeno io lo troverei erotico, questo gioco….e la realtà della prostituzione mi spaventa: come si fa ad andare con una donna che magari ha 16 anni, o che sai che è costretta a farlo, tenuta in schiavitù….è vero, esistono m ondi paralleli

  2. Basta vedere cosa ne pensa e dice la gente (soprattutto le donne) appunto riguardo a chi va a puttane, per capire il motivo di questa omertà. Molti uomini poi vedono la cosa come una sorta di sconfitta; è normale non volere che si sappia.
    Per lo stesso motivo, esempio a caso, le donne non dicono di masturbarsi: che figura ci farebbero con gl’uomini sporcaccioni che ascoltano? Eppure non v’è nulla di male (come pagare una prostituta).

    Personalmente non vado a puttane perchè lo reputo poco soddisfacente a causa della totale mancanza del corteggiamento nell’atto, che nel rapporto con una donna io ritengo fondamentale e divertente.
    Pagherei volentieri un’amica. Quello sì. 50 euro per una fellazio. Tutto per gioco. Sarebbe estremamente divertente ed eccitante, ma ci sarebbe anche un corteggiamento (il dover convincere l’amica, giocando).

    Comunque, vi sono cose ben peggiori che andare a puttane.

    Mi sono dilungato, me ne vado.

  3. è vero e quanto hai ragione.

  4. certo che ci sono cose peggiori …ma quanto di peggiore c’è tu maschio di 50 anni pagare per un pompino una ragazzina di 16 anni?…e non dire “e ma loro sono diverse..già GRANDI a 16 anni”…è quello lo schifo..non il fatto di pagare in sè, è che ti convince che tutto sia fattibile, senza un briciolo di morale.
    e poi se uno è normalmente carino , normalmente sano perchè non cerca un rapporto paritario?
    il resto..la masturbazione femminile è un gioco erotico come un’altro..c’è a chi piace e a chi no…c’è chi racconta di sesso senza imbarazzo e chi si fà mille problemi…

    nanna a tutti….e un pensiero tenero alle ragazzine che in questo momento si stanno vendendo ad un uomo che potrebbe essere loro padre.

  5. io li immagino gli uomini che vanno a puttane.
    sinceramente non la trovo una cosa cosi’ strana.
    e in fondo penso che moltissimi uomini siano spaventati dalle donne,a nche quelli giovani, e anche quella è una cosa che non ammetterrebbero mai, come l’andare aputtane.
    speso penso che sarei favorevole alla riapertura dei casini.

  6. come per ogni altro mercato, anche quello della prostituzione ha diversi livelli, c’è quella da strada (e sono le più sfigate) e c’è quella d’altissimo bordo, un pò come la differenza fra una borsa vuitton venduta dal ‘vu cumprà ed una analoga mostrata nella vetrina esclusiva.
    cambia il prezzo, cambiano i dettagli, la sostanza è la medesima.
    ma i dettagli fanno la differenza.
    è un mercato in crescita esponenziale, è il mestiere più vecchio del mondo.
    non entro nel merito delle cause, che sono molteplici e richiederebbero un trattato.
    non mi scandalizzo e non mi lascio andare a facili commiserazioni.
    fra l’altro, per ragioni per così dire professionali, ho avuto modo di conoscere parecchie puttane, di vario bordo e sesso, e devo dire che, nella stragrande maggioranza dei casi, sono persone simpatiche, intelligenti, gente che conosce profondamente la natura umana.
    cosa che non si può sempre dire per altre professioni assai più rispettabili.

    tuttavia, la proposta indecente cui si riferisce minnie, nasceva in un contesto diverso da quello del sesso professionale.

    deve esistere un gusto particolare nell’acquistare una donna “normale”, forse insospettabile e irreprensibile.
    una che non è una professionista.
    inoltre credo che il contratto in questione elimini una serie di inconvenienti, per il compratore, che non ha tempo per corteggiamenti, cene, chiacchiere varie e desidera andare direttamente al sodo con una lei che, avendo accettato di vendersi, non ha null’altro da pretendere ed, inoltre, per la medesima ragione, è totalmente disponibile.

    tutto questo mi fa rabbrividire di sgomento, non per astratte ragioni morali, ma per la banale ragione che mi comunica un senso di gelo mortale, di vuoto, di disumanità.

    e mi piacerebbe sentire qualche uomo, qualche commento scevro di ipocrisie, qualche commento che venga dagli abitanti di marte, per capire.

  7. Da un marziano.

    Non ho da nascondermi dietro ad un dito. A puttane non ci sono mai andato, né ho pagato mai una “non professionista”. Non lo so se è per moralismo, semplicemente è qualcosa che esula completamente dal mio mondo.

    Una volta, però, per rue Saint Denis a notte fonda, incrociai gli occhi dolci di una ragazza che mi invitava ad entrare. Mi sono chiesto a lungo che persona ci fosse dietro a quegli occhi, ma anche in quel momento tirai dritto. Ed è rimasta l’unica occasione in cui abbia mai avuto una crisi di coscienza in riguardo.

    Credo che dietro le “proposte indecenti” ci sia però, prima ancora che il sesso, il potere (dei soldi, in questo caso). Il sesso è solo uno dei modi di esercitarlo e, tutto sommato, ho una opinione molto peggiore del sesso tra capo e sottoposta sul lavoro.
    Altro discorso il fatto che il potere in queste situazioni sia tipicamente nelle mani di uomini – ma sia soldi che carriera nella nostra struttura sociale lo sono. E gli uomini hanno avuto ahimé molti secoli per consolidarlo e anche per farsene corrompere.

    Chi se ne è lasciato corrompere, naturalmente.

  8. Sarebbe ora che le mogli si piegassero sui propri mariti al posto che tirarsela….o avere sempre il mal di testa, il gioco lo conduce la donna una brava moglie e una brava mamma deve essere anche e sopratutto una brava amante.

  9. il potere..che ha molte facce, compresa quella del sesso, che dovrebbe essere un’altra cosa. E quello che dice lei, di un gioco tra un uomo e una donna che non è una professionista in effetti è raggelante : perchè in una storia si cerca la complicità, il narrare, lo stare bene insieme..è tutto questo che poi permette all’atto sessuale di diventare qualcosa di appagante, eccitante, hard.
    Quanto al discorso xeena…è complicato essere tutto, non pensi?..una brava moglie, una brava mamma, brava sul lavoro, brava a letto, brava a stirare le camicie, brava a tenere una casa perfetta manco fossi una del mestiere, brava a tenere in piedi un matrimonio…mammamia, xeena……io non ci sono riuscita…lemie amiche del cuore non ci sono riuscite..un sacco di altre donne non ci riescono..forse dovremmo impare a non essere così brave…comunque la prossima volta sposo un miliardario cubano…così mi limito ad essere brava a letto…che poco non è :))))))))))

    buon sabato, babies

  10. eh ce ne sono tante di cose da dire…è vero che non si dice anche perchè condannato dai più (appunto penso che tra loro gli uomini se lo dicono), è vero che si risparmia tempo, poi è una sottocultura che si trascina, quella della “necessità” per l’uomo, da soddisfare comunque….poi ho letto anche che ci sono molti che cercano anche solo un orecchio che li stia a sentire, per sfogarsi un po’ a raccontare, dietro ci sarà anche solitudine…ha ragione laura quando parla della paura che hanno gli uomini di fronte ad un rapporto con donne sempre più aggressive…cara xeena cara mia come ha ragione minnie, non è mica semplice, la sera crolli se non sei wonderwoman…

  11. Beh, a me piace molto la risposta di Linea d’ombre. Visti certi miei trascorsi non proprio da educanda ho ricevuto diverse propostine indecenti anche io. E credo che sia vero. I dettagli fanno la differenza, oh, se la fanno.
    Mi limito a dire che, nel mio caso, ricevere una proposta indecente ha avuto due momenti. Il primo mi ha fatto sentire un pezzo di carne acquistabile in qualunque momento, per lo meno secondo la psicologia dell’altra persona. E questo e’ umiliante. Poi l’altra meta’. Mi e’ stato dato il potere di accettare o rifiutare, non solo una persona, ma anche il valore aggiuntivo (in denaro) che questa avrebbe voluto pagare per usarmi. E la sensazione di poter scegliere e’ stata piacevole, oh yes.

    Andy-non-sono-una-santa

  12. quand’ero ragazzino insieme ad altri due/tre coetanei andavamo in giro a puttane ma non in strada ma nelle case chiuse…..
    non mi è mai piaciuto questo passatempo anche perchè i miei amici entravano ed io restavo fuori ad aspettare….
    mi spiace dirtelo ma nè allora nè in questi lunghi anni sono mai stato con una di loro 🙂

  13. Minnie, conosco un uomo che ha confermato di esserci stato. Non c’è più tornato però. Lui, almeno.

  14. anch’io ho conosciuto uno che mi ha detto di esserci andato piu’ volte… li’ per li’ ci sono rimasta, non mi aspettavo che dicesse a me e ad altre persone li’ presenti una cosa di questo tipo.
    avevo anche un professore che mi dicevano che ci andava… addirittura ne aveva sposata una, per poi separarsene dato che lei aveva ripreso a fare la vita.

    non capisco cosa si possa provare ad andare con una persona cui di te non frega niente…. ma non siamo tutti uguali.

  15. Prima di tutto, eccellente Minnie, ben ritrovata. Devo dire che mi sono mancati i tuoi frizzanti post. E le nostre diatribe. Quanto all’argomento dell’amore mercenario (eh? bella espressione ottocentesca?) si potrebbe discuterne fino all’anno prossimo, senza arrivare a nulla. E’ questo forse l’argomento più trattato nella storia e, come vedi, siamo ancora qui a interrogarci. E’ un’esperienza che, da ragazzino ho fatto e mi ha dato quello che mi doveva dare: un po’ di esperienza in più Nient’altro: ero troppo immaturo per essere coinvolto sul piano emotivo e quando sono maturato non ho più avuto la necessità di riprovare. Il problema, secondo me, non è la prostituzione, ma lo sfruttamento della stessa. Se una donna vuol mettere a profitto certe sue caratteristiche, credo che lo possa fare liberamente. Diverso è se c’è qualcuno che la costringe a farlo, magari con la forza e la brutalità. E’ su questo punto che si deve intervenire, credo.
    Orso (felice di averti ripescato) Marsicano

  16. ben tornato orsetto marsicano :)))))))

  17. Grazie, ma nel tuo blogroll, insieme a tanti indirizzi amici, non ho visto il mio. Che fai: discrimini?
    Orso (deluso) Marsicano

  18. noo.è che io sono incapace a mettere e togliere tutte le cose annesse..quindi il blog me l’ha messo su mio cugino steve, e il blogroll è un copiaincolla del suo..niente di personale..gl’altri indirizzi me li ricordo a memoria …

    perdonata?

  19. MaschioconlaCmaiuscola

    Io credo che tutti , voi donne comprese siate una massa di ” BUGIARDI”, l’ipocrisia è parente leggera della bugia. Perchè?
    primo: a voi donne ( perbene) viene una rabbia tremenda sapere che un uomo ” usa ” una donna; Secondo: i maschietti( si fa per dire) che dicono che non vanno con una prostituta perchè poco appagante, sono bugiardi, insignificanti e come dicono in sicilia” quaquaqquà!! Come si fa a dare un giudizio su una cosa che uno dice di non aver provato? Se dicono che è inappagante vuol dire che lo hanno provato, e magari riprovato, e magari ancora!!! Io ho una età in cui ho provato molto ( tutto no ) anche le prostitute, e non me ne vergogno. Sono sposato da molti anni e questo non cambia ciò che ho fatto quando ero libero. Ricordatevi che molti uomini sono stati iniziati da prostitute o da donne ” PERBENE” sposate o solo molto più grandi!!! Una volta almeno fra maschietti si era più sinceri!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...