siamo soli?..

stamattina, durante uno scambio di e mail , una persona mi ha detto che chi scrive blog lo fa perchè è solo. Le ho risposto che no, che ci sono molti motivi per cui scriviamo, ma sicuramente la solitudine non è tra questi. Si  può essere soli in molti modi e ovunque, si è soli anche con un marito o una moglie seduto accanto , si è soli in un letto con un compagno che respira senza di te….si può essere molto soli…ma qui dentro no. Qui dentro ti tengono compagnia le parole, la musica, le idee, quello che racconti, le emozioni che vai a trasmettere, gli amici del blog che sorridono passando e ti lasciano un parere…

Non si è soli , qui. Un blog è un angolo personale del proprio mondo…ma forse chi non ama scrivere, chi non sa scrivere, chi non ha sensibilità per le parole , non capirà ..

Si è sinceri, qui?…come fuori di qui..chi bara fuori bara dentro, e i conti ti vengono sempre presentati.

Non siamo soli, noi del blog…siamo persone un pò speciali, un pò preziose…mi dispiace per te, che non capisci.

vivere è un pò come perdere tempo,e sorridere…vivere è passato tanto tempo..e poi pensare che domani sarà sempre meglio..vivere e sperare di star bene, e non essere mai contento..vivere come vivere..vivere è come un comandamento..o sopravvivere e lottare contro tutto..oggi non ho tempo, voglio stare sveglio…vivere è restare sempre al vento, e sorridere dei guai proprio come non ha fatto mai.

Annunci

23 risposte a “siamo soli?..

  1. Minnie, ognuno di noi peno sia arrivato al blog per le ragioni piu’ disparate: bisogno di tenere undirio, sfida letteraria, curiosita’, magari anche solitudine, certo. Dire che chi scrive un blog l fa perche’ e’ solo mi sembra un’appossimazione alquanto apporssimata. Uno puo’, alla fine, vederla alla rovescio: grazie al blog molti di noi si sono conosciuti, virtualmente e/o nella vita reale. Con alcuni bloggers si clicca, con altri no. Come nella vita reale. A volte i due mondi si toccano e si fondono, ed a volte ne viene fuori una roba bella. Soli? mmmm… no. Non credo 🙂

    Andy-vado-a-lavorare

  2. viaggiosenzavento

    già…
    forse nel mio caso era un pochino vero.
    nel senso che mi sentivo sola in mezzo alla gente in cui stavo.
    che se il massimo della conversazione è:
    cavoli non si vede neanche che non è una vera gucci, hai visto quella ciabattina da pittarello, la piega che mi ha fatto questa settimana mi sta tutta piatta qui e alta lì e… rimini l’ombelico del mondo, per esempio…
    già già…
    almeno qui i miei due criceti e il mio cuoricino si sono sentiti stimolati… che sennò si atrofizzavano!!!!

    buona giornata!!!

    meglio soli che male accompagnati…

  3. ..per me è stata la soltudine di non poter parlare dei miei problemi alle persone intorno perchè troppo scottanti…questo mi ha portato a scrivere….nemmeno immaginavo di raggiungere tanti contatti….poi ho scoperto un universo di persone..amicizie virtuali…scambi di idee e di parole…..e il blog è diventato un modo per scambiare opinioni con gli altri..e per arricchiersi….ne più ne meno come quando in treno ci si mette a parlare con sconosciuti…oppure quando si fanno amicizie nuove….
    NO…sono d’accordo con te…nel blog non si è soli!!!

  4. Concordo nel dire che si entra, anche, per solitudine, ma non si sta qui per solitudine…

  5. sorrido alla persona che ti ha detto questo.

  6. come ha scritto Andy, le ragioni per cui si decide di aprire un blog sono le più svariate, così come diversissimi fra loro sono i blog.
    non metterei ai primi posti la solitudine, comunque.
    che chi è solo davvero non scrive, perchè non conosce la compagnia delle parole.
    D

  7. Io credo di averlo fatto per inquietudine, più che per solitudine, e credo anche che questa inquietudine sia dietro ad ogni tentativo di comunicare.

    E’ vero che se stai al sicuro nel tuo bozzolo caldo questa idea probabilmente non ti viene. Che però questa sicurezza significhi sempre benessere e quell’irrequietezza solitudine, beh, ho i miei dubbi.

  8. Sono entrato per allegria, per trovare uno spazio in cui dire finalmente la mia, senza alcun condizionamento, per parlare di politica e dell’ultimo cartone animato senza stare attento a come la pensa chi mi sta di fronte, per non offenderlo. Ripeto: sono entrato per allegria, e mi sto divertendo ancora (un sacco!). No, non è stato per solitudine, ma per il contrario: troppe frequentazioni
    Orso (blogger) Marsicano

  9. Peró é bello stare soli quando si scrive.

  10. Chi scrive un blog è perché si sente solo? …mmmhhh… nel mio caso tutto ha avuto origine dalla necessità opposta

  11. sola? no. adesso no 🙂

  12. Noi tutti facciamo cose, ci muoviamo, proviamo emozioni e scambiamo. a volte serve a volte no. Gli equivoci non mancano. Tu ad esempio topolina minnie fai cose belle e le distribuisci. Ho letto che se si parla di cose troppo serie si perde audience, ma per chi come me, scrive per se e per chiarirsi ciò che prova, l’audience fa piacere solo se è comprensivo. Diciamo che i consensi ululanti non fanno la differenza. C’è invece una differenza tra scrivere per se e per gli altri. Nel secondo caso si cerca un consenso, ci si dà per conferma. Ma in fondo cosa importa, ci si trova e ci si parla solo se c’è affinità, altrimenti i siti scompaiono dall’orizzonte vitale.

  13. sono d’accordo con te

  14. infatti non significa nulla…la voglia di comunicare non ha nulla a che fare con la solitudine. In questo mondo virtuale forse riusciamo a svestirci di sovrastrutture e virtualmente “guardarci dentro”:)
    Ciao

  15. boh chi sa perchè scriviamo un blog! Io devo dire che all’inizio l’ho fatto perchè volevo mettermi in gioco…vedere la mia vita da un’altra prospettiva…forse mi sentivo sola con il mio ex compagno e avevo voglia di fare nuove conoscenze…ma di una cosa sono certa: qui noi non siamo mai soli…ci nutriamo gli uni degli altri…baci minnie

  16. Uh io l’ho fatto per piacioneria, e per smania pontificatoria. In questo magari l’amica tua ci ha ragione! Cioè nel caso mio… quante pippe psicanaliitiche può attaccare ragionevolmente una ai propri amici e compagni? quanto è lecito pontificà ner quotidiano? Noi pontificatori semo soli povirini!

    Ma questo è il caso mio. Forse interpreto male, ma mi è piaciuto un sacchissimo il commento di Michela. Io l’ho interpretato così:
    – amica di missminnie, te sorrido perchè te interpreti così il blog perchè macari se ti sentissi sola faresti sta cosa di scrivere un blog (ma ti terrorizza teribbilmente l’idea di APPARIRE sola per cui non lo farai mai… forse:))

  17. palle sti esami arrivo sempre in ritardo a tutto perchè passo il tempo a studiare…anche stamattina ciò già i complessi di colpa che non ho ancora iniziato….per me la solitudine può essere uno dei motivi per cui si inizia a scrivere un blog, sì. non hai nessuno con cui condividere, e scrivi. anche se all’inizio scrivi nel vuoto, non è che hai una folla di commentatori, e quindi non c’è soddisfazione alla solitudine, per così dire. io ho iniziato per curiosità, per entrare in contatto con realtà diverse, per voglia di interagire, ascoltare, parlare, conoscere, fare una cosa nuova…tra l’altro ho un diario cartaceo da anni, dove ho l’abitudine di scrivere questo e quello. ma amo stare in mezzo alla gente, sono una curiosa, mi piace ficcarmi in mezzo, ed eccomi qui….

  18. mi danno fastidio quelli che pontificano sullo strumento internet senza conoscerlo. Sanno tutto loro senza mai esserci entrati…il blog non è una chat, e una chat non è il demonio in persona. Il blog è raccontarsi, e di solito chi lo sa fare non è mai una persona banale ( a parte certi casi..ma lì siamo nelle scelte tra penne o farfalle ….micacazzi..)..può essere simpatica o antipatica, ma questo succede sempre.
    Qui ho conosciuto persone che sono diventate amiche mie, sono andata a casa loro, ci siamo raccontati le nostre vite..
    e allora questo post è stato un mini sondaggio..non importa se passerà a leggere oppure meno , se lo farà capirà qualcosina.
    maybe.

    BUON VENERDI , e questo si che è importante :)))))))))))))

  19. viaggiosenzavento

    caso vuole, cara cristina, che la sera prima di questo tuo post, si parlava con un amico.
    si parlava del mio blog, che lui non legge, ma sa (non da me) della sua esistenza.
    e quando gli ho detto che sono venuta a cena da voi un tot di volte e voi una volta da me, spaventato mi ha detto “e se fossero stati degli squilibrati?”
    io questa paura non l’ho mai avuta, sarà perchè avere un blog è un impegno, e chi dedica tanto tempo a cercare di capirsi, di capire gli altri e come gira il mondo, non riesco ad immaginarmelo con un coltello a serramanico in tasca…
    comunque sai, egoisticamente penso che poi non sia un grande danno se qualcuno pensa male di noi, che in fondo il mondo blog – come diceva una vecchia pubblicità – è… per molti, ma non per tutti…
    spero di mancarvi, almeno un pochino…
    baci, buon week end!

  20. Forse alcuni momenti di solitudine possono portarti a scrivere, sia su carta, sia su un blog. Concordo su chi ha scritto che non si rimane per solitudine. Qui addirittura sembra che lo si abiti il blog, un pó una comune a distanza, una comune di solidarietá, confronto, sfogo e tanto d’altro.

    Non si puó capire quando manca la curiositá e l’apertura mentale per provare a comprendere; chi é ottuso, arido e presupponente tanto quanto presuntuoso, d’altra parte, che scambio potrebbe mai avere?

    Magari peró chi si intende di solitudine, la domanda chiave se l’é giá posta, ovvero: perché sono solo?

    Buon venerdí cri

  21. ma che belli ‘sti commenti 🙂 bellibelli

  22. che dire che palle quando non ti stanno piu dentro le mutandine, ma perche tu sei solo quando gli altri ti negano in continuazione, perche hanno le loro cose da fare, provi cambiare,sposti il tuo raggio d azione,ma il risultato non cambia,e come il cane che non prende mai la coda.sei costretto nella morsa della solitudine obbligata,bisogna aprirsi,dove dicono gli esperti,grandi filosofi,capaci per un attimo,darti un minimo di speranza laddove esista una situazione di cristallizzazione forse predicatori,che a volte,nnon credono, pure loro quello che dicono

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...