io come te

il rituale è importante. sfilo il blister dalla scatolina , premo la carta carta argentata e la pastiglietta scivola sul palmo della mano. da lì in bocca, sulla lingua, e poi da qualche parte finirà. nel sangue, nel cervello, chissà. il mio sangue non è solo composto da globuli rossi e bianchi..c’è anche il lorazepam. Serve a far sì che l’ansia sia sotto controllo apparente, che non venga presa da attacchi di tachicardia pensando che mi stia venendo un infarto, che i miei polmoni possano incamerare la giusta quantità di aria senza sentire mancanza di ossigeno. Anni di lorazepam. L’ansia la conosce solo chi la vive : razionalmente non la capisci. Detto da una che tenta di razionalizzare anche i sogni può far sorridere..che sia forse la vendetta del mio io sempre controllato?…Sono andata a confessarmi dagli sciamani..che ti raccontano il perchè e il percome, che ti offrono risoluzioni e lasci cento euro, per non fare mai niente di quello che ti hanno detto.

dove sarà la risposta?..forse non esiste. c’è chi stoicamente vive con l’ansia addosso come se fosse un cilicio, c’è chi stremato beve così passa, chi si chiude in casa e non esce per anni, chi entra al pronto soccorso convinto di avere un infarto e ne esce con una dose massiccia di valium, chi entra nel silenzio dello yoga, chi lo nasconde , chi s’impasticca.

siamo malati? forse sì. malati nell’anima,malati d’amore,malati perchè vorremmo altro ma stiamo dove siamo, malati perchè abbiamo una risposta per tutti tranne che per noi stessi, malati perchè siamo talmente sani da permetterci di pensare di morire, malati perchè così sensibili da avvertire variazioni negl’altri, malati per pensare di  cambiare tutto affinchè tutto resti uguale.

accettarla, alla fine, è accettare una parte di se. accettarla come si accettano le rughe e i segni del tempo, accettarla come un segnale che arriva dalla parte profonda di te…ed imparare ad ascoltarsi.

non mi vergogno della mia ansia, nè di fare parte del club , nè ho paura che arrivi qualcuno a dirmi che sono pazza..

adesso tocca andare a sterminare acari e tirar su calze spaiate abbandonate sotto letti da rifare : che l’ansia, per oggi, ha già avuto il suo spazio e torna a dormire.

 

 

 

Annunci

25 risposte a “io come te

  1. sono nel club…
    una domanda:
    dove vanno a finire le calze spaiate mancanti ? ho una scatola piena di calzine colorate orfane o single non per scelta.
    le tengo, nella speranza che un giorno si possano finalmente riunire…

    forse esiste davvero un universo parallelo e da lì le calzine lanciano segnali convenuti per ritrovarsi…chissà.

    buon fine settimana, minnie.
    gli acari aspettano anche me.

  2. ciao arya..ogni tanto le mie figlie si mettono le calzine spaiate..mi pare giusto, così imparano a lasciarle ovunque..d’altronde se le camper vende le paperine diverse una dall’altra è normale che le sorelle t. vadano in giro con una calza a righe bluette e una a pois :))))

    i miei acari si sono graziosamente spostati mentre passo la scopa elettrica..

  3. lansia, come diceva mia nonna, te fa perdere el ciaro de ‘a jornada. (L’ansia ti fa perdere la luce della giornata) Altri anni, altri problemi, altre droghe. Per molto tempo ho barattato ansia con melancolia e mi pareva di fare un buon affare: non è così. Vivere nel giorno, cosa difficile Topolina. La mia badante ha risolto il problema dei calzini: quando non si trova li butta, fra poco mi dipingerò i piedi e andrò senza.
    Vado a piantare il corbezzolo che mi sono regalato. Buona domenica elettorale Minnie.

  4. grazie willy..la malinconia in me dura poco, lo spazio di ore..l’ansia ancor meno..un paio di minuti che paiono ore, ma sono minuti..la prima la scaccio piangendo, come diceva il mio psichiatra-buon anima…procurati una reazione fisica, che sia ridere o piangere e tutto viene buttato fuori…l’ansia la faccio passare con le pastigliette..non ho tempo, alla fine, di prendere troppo sul serio la mia parte da pazza…domani voterò..sono ancora un pò indecisa tra valter kennedy o la sinistra che dovrebbe fare la sinistra..stò convincendo mia mamma a votare almeno casini: che a lei piace taaaaanto il nano..una persona cooooooosssìììììì a moooodo…mamma è un ladro ….dici?
    buona serata, willy…ho noleggiato la ricerca della felicità di muccinoamericano..che stasera ho bisogno di un sogno americano pure io.

    e willlllyyyyy—non ti dimenticare la binetti ehhhhhh….:))))))

  5. Anche io nel club. In gocce e non in pastiglie, lo doso meglio. Da anni, che ho perso il conto. Credo di avere ereditato questo stato dalla mia mamma, in analisi dal 1970.
    Io in analisi ci sono durata poco. Costava troppo (due sedute alla settimana, come minimo!!!) e mi dava… ansia.
    Le calze spaiate… Da me non finiscono solo sotto i letti, ma anche fra i cuscini del divano, sotto il divano. Ovunque. Elena, la piccola, le mette sempre spaiate, a lei piace così. Quindi ci rinuncio a ricomporle.
    Domani si vota e per la prima volta voterà anche mia figlia Giulia. Io ho i crampi allo stomaco già da adesso. Ma sorrido. E per la prima volta in vita mia andrò a votare “da sola”, senza un compagno al fianco. A chi lascerò il cellulare? ci penserò. Ma ho deciso, voto Pd mentre mia figlia Gi voterà l’Arcobaleno.
    Pensi che la Binetti si stia allenando in previsione della prima notte con il caro e dolce Willy?
    Notte senza ansia, ma sempre pre-elettorale

  6. ciao melania..mi pare l’outing dell’ansia..:))) e delle calze spaiate…
    stamattina si và..voto da sola da così tanto tempo..anche quando stavo con il t. andavo da sola :c’erano le bimbe piccole, e poi sono sempre stata una che si fa le cose per conto suo..
    penso che binetti sia emozionata, abbia comprato una bella camicia da notte di seta color ecru, pantofoline abbinate, coulotte di seta..cilicio via ehhhh..
    chissà se willy è emozionato..:))))
    adesso mi bevo una bella tazza di the, tiro fuori il certificato e vado a votare..le ragazze voteranno nel pomeriggio, che dormono..a sinistra, penso arcobaleno…
    buonagiornata, mel..oggi voglio andare a vedere una mostra sui manifesti francesi del 68..e stasera juno con le bimbe..domani sapremo ..anche della binetti…

  7. Mi ci ritrovo così tanto nel tuo blogpensiero che tutte le volte mi meraviglio e mi dico che mi piacerebbe avere persone intorno che pensano, che provano, che sentono come te. Anche i calzini spaiati: non lo racconto mai a nessuno, salvo quando faccio la lista delle cose da femmina che non mi piacciono e non ho ancora imparato a fare. Di solito immagino che sia colpa della lavatrice che se li mangia. Il voto poi, che angoscia, lunedì notte. Anche io vado da sola, i figli sono grandi. Confesso che voto PD, ma con la testa. Facciamoci coraggio!

  8. grazie elizabeth. ho votato pd…

  9. willy è terrorizzato, per tutti questi anni di fatiche passati a dire sì selezionati, a pensare che solo il meglio fa parte della vita, tutto bruciato senza appello. Ma vi rendete conto cosa succede se si sa in giro (nel mio giro naturalmente): un lavoratore onesto consegnato al dileggio e al pensionamento.

  10. :))))))))))))))))))))))….willy vediamo stasera….se dovesse vincere il nano ti sei perso la binetti…se no te tocca bbbbeeello……una promessa è una promessa ehhhh…anche palmiro lo direbbe. e sul palmiro noi vecchi bolscevichi, quella della rivoluzione del 1917 intendo, non si discute …:)))))))))))))))))))))))))))))9

  11. io arcobaleno….speriamo bene.
    tu minnie scrivi delle cose che mi colpiscono come delle legnate in testa, quando ti leggo dovrei tenere a portata di mano kleenex o magari anch’io lorazepam e un goccetto, che fa effetto prima……nella fattispecie, è il paragrafino su “siamo malati….” che mi uccide stamattina. come mi ci riconosco.
    anch’io volevo andare da qualcuno, ma non l’ho mai fatto (tendenza risparmiosa? poco tempo? illusione di farcela da sola?). nè mi sono mai presa niente, ho provato solo la valeriana ma non fa niente…..forse dovrei cominciare. ma sono solo palliativi. per quanto, anche un palliativo…..
    animapunk-ora-vado-in-farmacia

  12. dice che il panico è una reazione logica: essì, perchè se qualcosa ti spaventa o ti fa soffrire l’organismo si prepara a una di queste due reazioni, la fuga o l’aggressione.
    non potendo agire nessuna delle due entra in loop ed ecco il panico.
    il cuore fa il suo mestiere, batte veloce pompando adrenalina, ma, se non scappi e non aggredisci, continua ad aumentare il ritmo e, allora, le gambe tremano, arriva la sudarella fredda, manca il respiro, la testa gira, etc. etc etc.
    pare che sia talmente comune che negli USA (ah previdenti amerikani) hanno inventato il tavor oro, una minuscola pastiglietta che si infila in bocca di nascosto e si sciglie immediatamente. si usa durante le riunioni, quando i manager non posso svelare la loro condizione di ansiosi.
    è un club con una moltitudine di membri (nel senso di soci, cosa avevate pensato?) segreti.
    siamo soltanto umani, molto umani

  13. senza parole… ti voglio bene…

  14. Entact. così si chiama il mio anti-ansia. è un regalo che ho ereditato dal mio ex, dai giorni che-non-so-come-fare-a-fare-tutto, dalla malattia di mio figlio, dal lavoro che non c’era. ecc. ecc. E allora ecco il blister miracoloso! Una pastiglietta al giorno e via… sono di nuovo io, allegra, rompiballe, socievole, solare e casinista…. Ho deciso di aiutarmi per i miei ragazzi, per i miei amici e soprattutto per me, perchè mi piace sentirmi cantare appena sveglia, perchè mio figlio segna su un quaderno tutte le stronzate che dico e poi ci facciamo un sacco di risate (stronzate nel senso di strafalcioni!)… E così faccio parte di un club, anche per quel che riguarda i calzini spaiati che io trovo sopra gli armadi, nascosti dietro un libro di Agatha Cristhie (fa tanto trhiller!!! : “Il calzino dell’Orient Express”), incastrati nel termosifone… ormai ho perso ogni speranza di accasarli e ho trovato un rimedio: tutti neri e tutti uguali, così nessuno si accorge che qualcuno è andato perso!!
    Baci a tutti…

  15. è bello sapere : 1) che facciamo parte del club e nessuno se ne vergona (a parte quelli che non lo dicono..sono passate 60 persone a leggere questo post ehhhhh)
    2) che il problema dei calzini spaiati attraversa tutta l’italia e ci rende sorelle per la vita..:)))))))))))))))))))))))))))))))
    3) qui girano i comunisti, e stiamo sperando di cavarcela..

    tra un pò aprirò repubblica.it…

  16. ripresami dalla legnata di cui sopra, vi comunico che anch’io ovviamente ho calzini spaiati ovunque, per un po’ li tengo in un cestino, sperando che salti fuori il compagno, poi li butto, che devo fare? (d’altronde, anche io sono scompagnata….)
    e pure mio figlio che vive ad amsterdam ha lo stesso problema, gli mettevo a posto le cose, quando è venuto, e quando gli ho fatto notare che i calzini erano per lo più scompagnati ha detto che lui se li metteva così come capitavano, tanto andava bene lo stesso……..

  17. p.s. non voglio sapere niente fino almeno a stasera tardi, finchè non è finita non si può essere sicuri……e poi HO TROPPA PAURA, anzi sai checcè passatemi un lorazepam ora

  18. accidenti se sto male… io non la reggo quest’agonia…

  19. Perchè dobbiamo pagare tutti: è la democrazia dicono. Va bene, ma se si sono sbagliati, perchè dobbiamo pagare anche noi che avevamo visto giusto? Sono curioso di vedere cosa farà ora la lega, cosa succederà nel veneto e in lombardia. Da dove arriverà la prima bordata? 5 anni di berlusca, ma riuscite ad immaginarli? Pensa a te Topolina, e stai bene, verrò a vedere la mostra a Torino, se non la sopprimono prima. A proposito, il primo dei tre documentari di mio figlio sul ’68 passa su history channel domani sera

  20. Io non riesco ad immaginarli 5 anni con il berlusca e non ci voglio neanche tentare. Non riesco a farmene una ragione o a mettere il cuore in pace.
    Parlavo poco fa al telefono con la mia figlia maggiore, 18 anni. Cercavo conforto, io , in lei piccola bambina mia.
    Mi ha detto: mamma, di che ti meravigli? era prevedibile, la gente è ignorante, è un mondo di ignoranti.
    Mi dispiace più per loro, le mie figlie e le nuove generazioni, che per me. Io la mia vita l’ho vissuta, sono cresciuta ai tempi di Enrico Berlinguer, uomo politico grande e unico.
    Triste, delusa… molta ansia, cara Cristina. Oggi l’ansia è alle stelle.

  21. ho seguito passo passo…
    pare che willy si risparmierà l’ardua prova, ma io non mi dò pace.
    stasera gocce a gò gò…
    questa gente mi fa veramente paura, e sono intorno a noi…
    ovunque!
    :-(((((((((((((((((((((((

  22. anch’io auting. non so se succede anche a te, ma la soglia di sensibilità (non vista come donnino frignante ma proprio come sensibilità al dolore, nervi scoperti) mi si è diminuita un sacco. avevo paura anche a sentire della musica troppo alta, a fare del movimento o a guardare film che emozionassero. insomma, qualsiasi cosa che desse una lieve tachicardia che poi inevitabilmente va ad aumentare appena te ne accorgi, perchè subentra la paura che non sia solo tachicardia. è un ragionamento astruso, un circolo vizioso, ma so che capisci cosa voglio dire. non potevo stare a casa da sola neanche mezz’ora. per fare la doccia aspettavo che ci fosse lo zdoro nella stanza vicino che non si sa mai. è dura da comprendere e curare, ma a me è bastato capire che non stavo morendo. sono andata in analisi per un annetto ma mi sentivo stupida e ho lasciato. e dire che mi sarebbe bastato sentirmi dire “succede a tanti” o “è normale”. ora riesco a farci l’abitudine ed ogni volta che mi sento quella cosa che sale dire a me stessa “naaaaa, ora non c’ho tempo”. la notte, mmm. quella ci dobbiamo ancora lavorare, che se mi sveglio e non è ora d’alzarsi sono problemi.
    poi mi è servito tanto tanto andare in messico: se lasciavo che l’ansia mi prendesse ero, come si dice da me, panata. anche perchè vorrei vedere chi mi poteva curare, in quel tugurio. brutta esperienza ma tanto più forte, ora. ah. e poi, cosa più importante, ho capito che cosa mi dava sta benedetta ansia, e ho cercato, ragionando, di capire che erano problemi risolvibili anche solo con ottimismo (certe volte vale più di cento pasticche). coraggio, cara, che ce la fai.

  23. certo che la facciamo zdora. che l’ansia difronte al nano è niente…domani ne parliamo.stasera no..adesso vado a nanna..sono stanca, e domani ci sveglieremo con un governo di destra e lega….minchia che figo ehhhhhhh:)))))

  24. siamo sempre nel clima di outing… olte all’ansia soffro d’insonnia. e stanotte con questa bella prospettiva sarà dura trovare la serenità, la volontà o non so che cavolo per dormire.
    già, minnie… che figo…
    domani ci raccontiamo, mo cerchiamo di dormire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...