godard, 1967

 

torino è città di cinema, è città dove può succedere che dedichino una retrospettiva ai film del 68 francese, in originale,con i sottotitoli.

la chinoise è un bel film. un film politico che mette tenerezza, per il linguaggio che non esiste più, per i sogni che si sono infranti , per quello che arriverà dopo e godard anticipa, mette tenerezza perchè si credeva che mao e la rivoluzione fosse veramente democrazia, e si litigava sulle differenze tra il marxismo e il libretto rosso.

i ragazzi ricchi teorizzano, la camerierina pulisce le loro scarpe e serve il the nelle tazze di limoges ascoltando democraticamente radio china.

se vi dovesse capitare per le mani, guardatelo. parla di un tempo che non c’è più, di cui noi siamo figli.

domani si riprende..perchè la rivoluzione la fanno i ricchi : gl’altri lavorano :)))

Annunci

4 risposte a “godard, 1967

  1. Godard.
    Lo ricordo come un genuino tentativo di “fare l’intellettuale”, invece mi feci due palle così.
    Ma non potevo ammetterlo.
    Anche se….l’unica frase che capii del film mi è rimasta tatuata nel cervllo…magari poi mi ha giovato! 🙂
    Bacini!!

  2. Hai ragione, Cristina.
    Anche se mi fa venire un po’ di malinconia.
    Ma forse è proprio quello che ci vuole.
    buon pomeriggio

  3. Bellissima la frase finale! 😀

  4. :))))))))……….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...