datemi almeno un altro caso Englaro :veloooci prima che qualcuno si accorga che stiamo affondando

serve ,a questo governo senza idee e senza speranze, un nuovo caso che distolga i pensieri : una nuova Eluana, un paio di rumeni con il dna inventato lì per lì, brunetta , a onor del vero, s’è dato da fare con le faccine..

ci sarebbe sempre la 194, benny e i preservativi, ma sono debolucci..

la gelmini ce la siamo giocata a ottobre e data in pasto ai bambini dell’asilo..

la realtà è popolata da aziende zombie, ogni giorno ne collassa una, ieri una responsabile mi dava il calendario dei giorni d’apertura (esatto, giorni d’apertura) di un grosso gruppo automotive : praticamente lavorano tre giorni a settimana, e ad aprile una settimana su quattro.

un’altra che spendeva circa 200mila euro di formazione all’anno se non interverranno santi e madonne chiede lo stato fallimentare

vogliamo continuare?..chi lavora in questa parte d’italia ha ben presente di cosa sto parlando

e del silenzio, del vuoto, del nulla in cui ci troviamo : della solitudine che si avverte, dell’allargar le braccia e dire non so se la prossima volta io e lei ci sentiremo, speriamo.

si ha un bel dire che è così ovunque : è sicuramente così, eppure perchè mi comunica più fiducia un obama o una merkel ?

pure loro si staranno arrampicando sugli specchi, eppure comunicano un senso del io sto facendo sul serio qualcosa.

qui neanche quello.

per non pensare al sud, di cui ormai nessuno parla più : come campano quelli del sud? li abbiamo ormai abbandonati al loro destino di mafiacamorradrogaecommercioessereumani  silenziosamente ?

stamattina speriamo sia almeno dignitosa , speriamo di sentire almeno una voce fuori dal coro .

che non farà primavera ma almeno pensare beato lui.

Annunci

20 risposte a “datemi almeno un altro caso Englaro :veloooci prima che qualcuno si accorga che stiamo affondando

  1. il tasso di disoccupazione in italia è più basso che nel resto delle grandi nazioni europee (gb esclusa). prova a dare un’occhiata qui (http://epp.eurostat.ec.europa.eu/tgm/table.do?tab=table&init=1&plugin=0&language=en&pcode=tsiem110) e dimmi: com’è che di zapatero si parla solo quando fa comodo? (il dato che manca relativamente all’italia te lo dico io, che è stato comunicato ieri: 6,7%).
    (e sulla ‘formazione’ sai quello che penso…)

  2. prova a chiamare questi numeri di telefono..

    011/9965… 011/4016… 0110056..

    sono tre a caso, prova a chiedere quanti giorni lavorano a settimana..

    se vuoi ti mando un elenco di 300 numeri..

    a torino sta funzionando così.

    allegra ha cambiato lavoro : assunta con i libretti da apprendista all’obelix, bar fighetto di apericene ecc..lei è l’unica camerierina NON LAUREATA…TUTTI OCCUPATI, IN EFFETTI.

    pure marcegaglia, che non è una cosacca, ha detto ADESSO DATECI I SOLDI VERI.

    milano ha altre realtà, forse.

    il distretto della ceramica dell’emilia è in ginocchio. il nord est pure.

    la formazione è uno di quegl’indicatori per cui un’azienda ha soldi da spendere, un periodo di vacche grasse.
    l’anno scorso noi eravamo a fine marzo ad un fatturato di 55.000 euro : quest’anno a 10.o00 forse..

    vedi un po’ tu.

  3. dimenticavo : Cgil: 563 mila lavoratori in più
    in cassa integrazione in due mesi
    «La realtà è peggio della immaginazione: 483 mila tra industria, commercio e edilizia più 80 mila in deroga»

    IN EFFETTI SONO OCCUPATI PURE LORO.

  4. signor bask, mi spieghi un paio di cose, lei che è così aggiornato, se non la disturbo troppo.
    come mai il dato sulla disoccupazione in Italia relativo al 2008 non è pubblicato?
    e ancora, è evidente che quello relativo al 2007 risale ad un momento in cui: a) la crisi economica non era ancora arrivata; b) l’attuale governo di destra-centro-teocon non aveva ancora avuto il tempo di far danni.
    evidentemente il governo Zapatero non bara sui dati al contrario dei nostri falsificatori di realtà.

    mi scusi, ma dalle mie parti si sul dire quando ce vò ce vò.

  5. d, quello del 2008 è stato indicato dall’istat ieri. 6,7%, quello che ho scritto nella prima risposta. solo per questo eurostat non lo ha ancora recepito.

  6. (non ho detto mica che ce la passiamo bene. dico solo che prima di credere che l”erba verde dei vicini non è ‘sta meraviglia)

  7. le chiedo un’altra cosa, signor baskerville, mi scusi ma sono ignorante in materia economica e i dati mi confondono.
    premesso, comunque, che vi è stato un incremento della disoccupazione dello 0,6 per cento in un anno che, in termini di persone, significa se non erro alcune centinaia di migliaia di esseri umani con relative famiglie prive di mezzi di sussistenza, mi chiedo se in Spagna vi sia lo stesso livello italiano di lavoro sommerso, in nero per dirla in parole povere.
    perchè, nel nostro bel paese felice, ai dati ufficiali vanno aggiunti quelli – sconosciuti – relativi a coloro che hanno perso il lavoro e non si sa perchè mai denunciati all’inps.
    qualcosa mi dice che questo dato, qualora potesse mai essere evidenziato con certezza, avrebbe il suo picco più elevato al sud.
    inoltre sarei curiosa di conoscere i dati relativi ai primi tre mesi del 2009.

  8. P.S.
    qualora interessi a qualcuno, c’è questo interessante tubo sulla reale situazione dell’occupazione in Italia.

  9. eccheccavolo, ma lavorate un po’ di più, no??
    http://www.repubblica.it/2009/03/sezioni/economia/crisi-24/berlusconi-su-futuro/berlusconi-su-futuro.html

    non li lasciate in banca ‘sti soldi che tenete fermi lì, no?

  10. che a lamentarsi sono capaci tutti, basta, guardate lui, il suo reddito è calato ma mica fa tutte ste storie …….

  11. ogni mattina ho persone che mi chiedono lavoro, stamattina sono andati più in là, mi hanno chiesto un prestito. Stanno bene i professionisti, i rentier, alcune imprese di nicchia, anche le banche non stanno ancora male. Ho l’impressione che guardare gli altri paesi sia fuorviante, qui la miseria è sotto casa e il fatto che io stia bene e abbia un buon lavoro non mi esime dal vederla. Questo non cambierà nulla nel voto al sud, anzi aiuterà il vero meccanismo di assistenza che funziona: la raccomandazione e l’industria del crimine.

  12. vero anima, ha preso un decimo dell’anno scorso, povera stella

  13. mmm… del casino che hanno fatto i commercianti, gli italiani e l’euro, non ne può nessuno…. mettici i manager fatasiosi americani e i cinesi che credevano che bastasse saturare il mercato con le chincaglierie, e ti trovi con tutti gli ingredienti del perchè le cose non vanno… Dio come mi piace la mia macro economia da Bar, senza prendere 6000 eurini al mese per una cattedra… Minnie cara, il Berserk qua, con la solita aplombe, chenonsomicasesiscrivecosìperchèsonoignorante, inglese, si fa scivolare tutto addosso. Si, siamo in ginocchio, emmò? Che si fa? io risparmio fin che posso…. poi magari un giorno mi affiderò alla Caritas, mmm. non credo ne avrò mai bisogno, ma noi qua sui monti siamo felici, un orticello, due capre e una mucca, che posto ne abbiamo…. Alla fine, quello che sto dicendo, è una questione di aspettative. Sarà che a me piace pure zappare….

  14. grazie per i vostri commenti..siamo comunque in una situazione grave e cerchiamo un modo per uscirne. ci saranno aziende che falliranno ed è un peccato. le grandi le salveremo tutti noi, come sempre. fiat può ringraziare tutta l’italia per i soldi che abbiamo sempre riversato nelle sue casse, e ha sulla coscienza tante piccole aziende che sono morte per la sua politica dissennata nei confronti dell’indotto.

    buona notte

    cristina

  15. ciao bersek..ogni tanto riappari, come il fantasmino casper :)))

    ogni tanto rileggo i miei vecchi post, e tu ci sei sempre..

    un sorriso speciale per te.

  16. testa bislacca

    Beh, dare TUTTE le colpe a questo governo non è giusto: mi pare che baskerville abbia citato dati reali.
    Il fatto è che c’è una crisi economica diffusa OVUNQUE, e alla quale si sta cercando di porre rimedio come si può.
    Se, poi, aspetti quancosa di nuovo, non è detto che non arrivi.
    Spero.

  17. notizie di oggi : tutta la manfrina sull’edilizia riguarda SOLO VILLE E VILLETTE..dopo il pressing di napolitano, BOSSI e regioni (sarebbe stato complicato trasformare i balconi dei condomini in due stanze e bagno..)
    ricetta per uscire dalla crisi : LAVORATE DI PIU’.
    ma se non ci sono ordini per chi si lavora?
    INFATTI le aziende stanno adottando il modello merkel : si lavora tre giorni a settimana, il resto a casa.
    MA LO SA BERLUSCONI CHE SUCCEDE IN ITALIA ?

    buongiorno..ho una voce che sembro amanda lear…seeeexy :)))

  18. la differenza vera in questo paese è tra chi non ha problemi di lavoro o di denaro e chi li ha. E chi appartiene alla prima categoria ha tempo per valutare le politiche del governo che in fondo poco lo riguardano, perchè la crisi mica riduce le sue abitudini di vita, mentre chi appartiene alla seconda non ha neanche il fiato per respirare la disperazione che si porta adddosso. Io posso aspettare ma in che cazzo di società sto vivendo?

  19. willy leggi, se hai tempo, l’articolo su rep “lavorate di più”..narra del viaggio milano-roma sul nuovo treno del nostro premier e delle sue idee luminose, comprese le solite pippe sulla magistratura (stavolta , oltre ad essere metestasi, sono colpevoli della perdita del 4% del pil per le loro indagini su impregilo ecc ecc)
    sotto c’è un altro articolo su come si stanno muovendo le aziende italiane ed europee su questo discorso del lavorare di più…uno scollamento che ti viene da chiederti ..ma questo lo sa dove sta vivendo?
    noi si, roberto.
    è lui che non ne ha idea.

    buon pomeriggio…che il vento è passato, e stanno spuntando le foglioline agl’alberi :))

  20. riempiono i tg di notizie nella speranza di ottenere lo stesso risultato ottenuto con il caso di Eluana
    va bene tutto quello che può entrare nella mente delle persone e far si che non si accorgano d’altro
    ma mi chiedo…
    ma pensano proprio che siam fessi?
    ora è tornato di moda il caso del tifoso juventino ucciso dal polizziotto
    ecco, per un pò siam rincoglioniti…
    domani si vedrà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...