senza respiro senza punti senza virgole senza pause senza costruzione della frase senza principali senza coordinate : punto.

ho cucinato un branzino al forno e poi una quiche ai porri e poi una torta al limone e poi ho comprato un libro che si intitola cecilia edizioni e/o anche se ho altri dieci libri da leggere e poi sono andata dai bimbi in carcere e ho giocato a macchinine con leo e poi ho passeggiato nel centro della città con camilla con tanta gente che seguiva i dibattiti sui mega schermi dedicati alla democrazia manco fossero le partite della nazionale e ho pensato che torino è una grande città e poi ho provato un vestito rosso lacca stupendo e scandalosamente caro e ho pensato che quando me lo metto un vestito rosso lacca scandalosamente caro ? e ho sorriso alla commessa ringraziandola dicendole ci penso ma io e lei sapevamo che non sarei tornata e poi

poi ti ho ritrovato che uno puo’ anche dire che quello che unisce un uomo e una donna sono i pensieri alti ma a me viene da ridere perchè di te mi possono pure piacere i pensieri alti ma mi piace da morire il tuo corpo che si distende sul mio e i pensieri sono ben altri e un uomo e una donna sono quella roba lì sono il sesso sono gli odori  sono i gesti sono le parole sono le carezze sono gli orgasmi e i pensieri alti li lasciamo agli asceti a quelli che si vogliono contare palle da soli a quelli che se lo sognano di notte

scrivo di seguito senza punti senza pause senza virgole lasciando che i pensieri corrano da soli che mica hanno i punti e gli spazi i pensieri  e quelli bassi meno ancora degl’alti

punto.

Annunci

7 risposte a “senza respiro senza punti senza virgole senza pause senza costruzione della frase senza principali senza coordinate : punto.

  1. oh. mica il pizzicagnolo sotto casa che scrive sulla carta del formaggio. Joyce.

    et voilà.

    adesso attacco a riscrivere tutto il mio racconto daccapo, che stasera dovrei spedirlo ad emiliano..

    visto gran torino…gran bel film. onore al vecchio clint.

    domani si ricomincia, sotto la pioggia.

    ci tocca.

  2. mmmmh bella giornata, e magnifica fine di giornata….

  3. avrei voluto vederti con il vestito rosso

  4. due sere e un pomeriggio, tanto per essere pistini e precisini :))…

    dunque, pipù..è una specie di tubino rosso, sancratino in vita con due bottoncini neri. b e l l i s s i m o. se poi ci metti con golfetto lieve nero, calze velatine..diventi una signora, ecco.

    ecccche mi manca una cena elegante con uno strafigo. ecco che mi manca con una vestina così.

    vabbbbèèèè…che oggi c’ho gli stivaletti camper che lasciano la forma dei pesciolini quando cammino (giurogiuro..ce l’hanno disegnata sulla suola di gomma :))

    lavoro seeeeeeeee……………..

  5. testa bislacca

    Si chiamano “flussi di coscienza”. Sono liberatori, quasi catartici.
    😉

  6. oh yeahhhh……è anche un modo di scrivere che ti toglie il respiro, comunica questa sensazione…ogni tanto ne ho bisogno, perchè tutto il laccato a me dopo un po’ nausea..ma non faccio testo ehhhh……lo soooooooooooooo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...