dentro il cervello ti raggiungo il cuore..proprio in fondo al cuore senza pudore..

ho un piccolo tatuaggio sul polso destro, sono tre stelline. ogni tanto qualcuno le nota, stamattina la cassiera del pam..oh che belle stelline..ahhhh..sono le mie figlie..sorride, sorrido.

questo tatuaggio ha dieci anni. lo feci l’estate della separazione.

sono passati dieci anni. devo dire belli. a parte i primi due.

ecco, io sto bene separata.

non ho mai pensato..vorrei un altro marito, un altro compagno, vorrei un uomo sempre accanto, fare le cose con un uomo sempre.

mi sa di essere sempre stata così : che quell’unione fu un incidente di percorso, e forse per questo non lo sposai mai.

perchè non mi è mai interessato nè il lato religioso nè quello sociale del matrimonio.

sarà che gl’anni peggiori furono quelli in cui mi identificavano come la moglie di…come se io fossi una piccola appendice, sarà che sono sempre stata una indipendente, un po’ solitaria, come le lupe.

anche adesso continuo ad avere storie che non hanno socialità, che non hanno visibilità : sono cosa mia, come una mafiosa.

concepisco una storia come qualcosa che gratifichi e faccia stare bene me, non ho bisogno di un maschio-trofeo, nè di sentire sussurri..ah ma lo sai con chi sta cristina ???

sto bene da sola , nella mia casa colorata, con le mie figlie, il gatto, le amiche, il mio lavoro…e lui, si. esterno.

che se fossi un partito sarei di quelli da ” appoggio esterno”.

che belle , signora, quelle stelline tatuate.

si. sono le mie bimbe.

Annunci

3 risposte a “dentro il cervello ti raggiungo il cuore..proprio in fondo al cuore senza pudore..

  1. Penso che riconoscersi nella propria identità e nelle proprie scelte sia una questione di onestà, diciamo così, intellettuale.
    Penso anche che sarebbe opportuno (qui non mi riferisco né a te né a nessuno in particolare) riconoscere anche tutta la relatività di quelle scelte. Scelte che nascono dalla nostra personalità, dal nostro vissuto, che sono la strada nostra, ma non la migliore di tutte.
    Che ogni scelta ci dà qualcosa e ci toglie qualcos’altro.

  2. hai ragione, Roberto. forse con l’età si arriva a riconoscersi, ad ammettere di essere fatti in un certo modo ed accettarsi.
    un altro passo è dichiararlo a chi ti sta accanto, a chi incontri, alla persona con cui inizi una storia…anche se poi magari tu lo dici e l’altro non capisce. o tu lo dici ma in realtà i tuoi comportamenti sono diversi dalle parole.
    queste scelte di vita, così personali, sono applicabili solo a se stessi : come dici hanno radici profonde, che arrivano dal nostro passato , da come abbiamo vissuto, dal tipo di famiglia che abbiamo avuto.

    buon lunedi..orami si dorme con le finestre chiuse, l’aria al mattino è frescolina, ha un odore diverso, dell’estate che va….

  3. buongiorno a tutti! sai cri che perfino a roma fa fresco? meraviglioso, l’estate mi azzera….
    l’autunno invece…mi fa pensare che potrei provare, cambiare un po’, modificare qualcosa…che ad esempio se ti rendi conto che hai sempre cercato uomini ai quali non importava niente di te,qualcosa vorrà dire e non va mica bene…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...