e hai guardato dentro un’emozione

eravamo seduti davanti a due piattini, il mio

roastbeef , tu insalata.

Mi hai chiesto perchè finisce una storia : spiega

melo, mi hai detto, tu che sei una donna e

magari io , che sono uomo, capirò.

Ho cincischiato con le fettine di carne, perchè

chilosa’ qual è il motivo per cui una storia

finisce.

A me è parso che voi due foste asimettrici nei tempi : perchè i

tempi sono importanti in amore.

Che se uno non ha il tempo dell’altro non ci si capisce, che uno s’

innamora all’inizio , l’altro a metà, uno è pronto a vivere una storia

che abbia un senso, l’altro vuole sentire il vento che gira ad est

e lo porti via, la storia non sta in piedi.

La simmetria, forse è lì il segreto : sentire il passo dell’altro, sapere

se è lieve o pesante, se seguirà il nostro o prenderà una strada sua.

Ma io, conoscendoti un pochino, ti ho detto che sono comunque

contenta per te. Perchè avevi bisogno di capire che il tuo passato

non è un totem, che gli anni sono passati, ed è giusto che tu

racchiuda quello che è stato in una sua dimensione .

Abbiamo finito il nostro pranzo veloce, senza risposte certe,

tu con la tua pena nel cuore, che ti scivolerà tra le dita.

Magari chi passerà di qui avrà idee diverse , e ce le racconterà

Le storie finiscono, le storie nascono, alle volte ci sono storie che

ritornano : l’importante è essere vivi dentro e saperle accogliere.

Cristina

Annunci

14 risposte a “e hai guardato dentro un’emozione

  1. bella domanda…forse, poi, tutte le storie finiscono, si esauriscono, prima o poi…a volte si scopre di essere troppo diversi, quello che attrae e affascina all’inizio poi da’ fastidio…a volte si pensa che l’altro vada bene per noi e invece no…l’asimmetria dei tempi, può essere, ma soprattutto l’asimmetria degli affetti, uno ci tiene davvero e l’altro magari cerca qualcos’altro, sta provando a vedere se funziona… -non sempre si hanno le stesse aspettative, da una storia. ma credo che se non c’è asimmetria di affetti, ma solo di tempi, ci si osserva, ci si aspetta, ci si capisce, e non si butta tutto per aria.

  2. Sto cercando una blogger
    che ha posto sul mio ‘guestbook’ l”arcidiavolo belfagor’.Sei tu?
    Cristiana

  3. scusa, cristiana, ti pare che una come la signorina minnie si firmi L’ARCIDIAVOLO BELFAGOR ???????????????????

    convidido, animuccia. e sottoscrivo…

  4. credo di essermi fatta questa domanda tante di quelle volte e una risposta convincente non l’ho mai trovata. certo, l’asimmetria c’entra eccome, specialmente dei sentimenti. ma non solo. per quanto mi riguarda io mi sento, mi sono sentita nel passato, una specie di Penelope che distrugge. tendo a distruggere quello che ho. non è una bella cosa. forse a causa di un senso di insoddisfazione latente che covo dentro e che a un certo punto esplode. qualcuno di recente mi ha detto che sono “complicata”. forse.

  5. …per me è sapere anche quando NON seguire i passi dell’altro. E’ camminare da soli, poi di nuovo insieme, e allacciarsi le scarpe a vicenda.
    Anche se le cose più divertenti spesso, si fanno a piedi scalzi.

    😉

  6. condivido ciò che dice Anima, come nei gran premi solo per poco si corre alla pari

  7. pure a me dicono che non sono facile, mel. io penso sia un complimento. che a cinquant’anni non è che puoi essere una sciacquettina che sa di niente, una leoparda che va in giro a mostrare solo tette e culo..alle volte è pure difficile essere complicata, devi seguire percorsi mentali non facili, avere rigore con te stessa prima che con gl’altri…
    ho notato che ho fatto UN ERRORE ENORME …ho scritto asimettrici invece di ASIMMETRICI..chiedo scusa :))

    queste risposte sono per te, v. aspettiamo anche la tua :))

  8. Mah, certe volte mi viene da chiedere piuttosto cos’è che le fa durare, le storie.
    Perché poi due persone, al di là di ciò che sono, hanno anche modi imprevedibili di porsi uno di fronte all’altro.
    Insomma, non c’è altro modo che continuare a tentare. E a chi tocca tocca.

  9. credo che vi possano essere ragioni che vanno oltre l’asimmetria del sentimento.
    Questa, a mio parere, non é di per sé causa efficiente della fine di una storia. Anzi, talvolta, riesce a cementarla, come accade quando uno fugge e l’altro gli corre dietro. Ci sono storie che durano una vita così, sempre a rincorrersi.
    Penso, invece, che una storia possa finire senza scampo quando ti senti piú solo dentro il rapporto che fuori, quando manca la generositâ reciproca, quando non vi é ascolto sincero, quando si parlano lingue diverse credendo di possedere il medesimo linguaggio e la comunicazione arriva distorta da segnali, per l’altro, incomprensibili.

  10. scusa, cri, mi é partito l’invio.
    Per completare brevemente, ché la questione ha meritato tomi canzoni e poesie da millenni, una storia finisce quando é finito il carburante e non ci si ferma in tempo per il rifornimento.
    Perché non vuoi o non puoi fermarti al momento giusto.

  11. sicuro D…che è stato già detto tutto molto molto tempo fa. eppure ci torniamo sempre, perchè siamo convinti che quella fine, proprio la fine della nostra storia, sia diversa, unica, irripetibile.
    e forse è così.
    lascio il pezzo finale di una risposta di umberto galimberti su D di rep di oggi :
    Viviamo finchè amore ci sostiene. E se fosse proprio qui la differenza tra uomo e animale che riesce a vivere anche senza amore? ….perchè amore non cerca un senso nell’al di là e neppure nel futuro. E’ la felicità del presente che, se siamo in grado di amare, dura tutto il tempo in cui la vita ci è concessa.

  12. ma il mistero più grande, sì, è che cosa faccia durare una storia….

  13. rispondo ad anima: la comunicazione nel migliore dei casi, la fatica del cambiamento, la paura della solitudine nel peggiore dei casi.

  14. nei migliori dei casi la passione. perchè senza la passione non si va da nessuna parte.
    nei peggiori dei casi (per le donne) perdere i benefit , come i grandi manager. per i mariti perdere la moglie sempre utile come paravento per amanti troppo esigenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...