rehab

riflettevo sulla mia permanenza in deliziosa minnie. ovvero ho la sensazione che ormai stia per concludersi l’avventura di missminnie nel mondo blog.

come se fossi arrivata alla fine di una storia, quando ti manca il finale, che è difficile come l’incipit.

si potrebbe chiudere alla carver, essenzialmente, che sono le chiusure che amo di più, o alla faber, che ci lascia seguendo la carrozza di sugar in partenza per l’austrialia, come dire, prima o poi in australia dovremmo andarci pure noi, orfani di sugar.

nè penso che sia il caso di creare uno spin-off, che a parte D, che dal Castello ad Altreacque ha veramente cambiato tutto, gl’altri sono cloni con indirizzo diverso.

ma , conoscendo il meccanismo, la dipendenza che crea essere qui, il bisogno di nutrire la tua creaturina, (scrivere no, quello lo puoi fare anche più seriamente in altri luoghi e con altre modalità), mi sono detta che è come andassi in un rehab.

disintossicarmi con il metadone, fino a trovare la frase che ti manca per l’happy end, oppure fallire, come tanti tossici, e confermare che i rehab servono solo se esiste la volontà di fare altro.

magari di dedicarmi seriamente a scrivere un racconto, visto che dalla fine del mese due volte la settimana sarò in corso dante a cercare parole.

l’happy end perchè almeno qui dev’esserci, perchè comunque vada, che continui o chiuda, deliziosa minnie è stata una bella storia.

 

( come fare un bel film, a basso costo, con una sceneggiatura a quattro mani femminili e delicate, una regista donna non banale, margherita buy da invidiare, un film sull’attesa, sulla pazienza, sulla maternità, sul farcela da sola)

Annunci

16 risposte a “rehab

  1. che strano, cri.
    proprio stamattina pensavo a noialtri, noi pen-friends che ci siamo innamorati gli uni degli altri, (ah si! fu amore di gruppo) intorno alla primavera del 2006.
    non faccio nomi, chi ha fatto parte di quella strana esperienza amorosa sa.
    ecco, pensavo a noi e a come quell’esperienza si sia in qualche modo conclusa, abbiamo percorso strade, incontri, abbiamo fatto giri su giri intorno al nostro ombelico e speso migliaia di parole.
    ora quella magia si è persa per strada, non so bene perchè.
    resta qualche bella amicizia, legami forti, non è poco.

  2. tu intanto scrivi altrove, fai bene.
    io preparo castagne, fa freddo stasera con il riscaldamento spento.

  3. ciao amica mia. è vero fu amore di gruppo, nacque un’alchimia che ci fece credere di essere a camelot.
    o forse lo eravamo veramente, a camelot.
    il mio bilancio è positivo, a prescindere.
    qualcuno l’abbiamo perso. speriamo sia più felice così, nell’aver tagliato il filo che ci univa. ma lo sarà, se no uno è mica scemo a tagliare qualcosa che fa parte di te.
    anche le feste blog nella casa che si affaccia sul po si sono esaurite.
    rimaniamo noi amiche…se ci pensi l’amicizia tra donne quando nasce è sempre resistente.
    sto pensando ai giorni romani da te, a nicoletta e le macchine perdute, a laura con cui condivido telefono azzurro, a pipù e ai giorni nelle langhe, anche a cecilia lei sa perchè, a verdolina che fa parte della mia famiglia…
    noi ci siamo, noi facciamo parte del cerchio.
    ci sentiamo domani…ti voglio raccontare del film che ho visto ieri sera..ecco, mi manca fare cose così con te..andare a vedere un film, una pizza, girare per saldi.
    chissà, D. chissà che un giorno non si possa fare :))

  4. Premetto che mi dispiacerebbe se smettessi di scrivere.

    Anch’io la decisione di chiudere la ho considerata e continuo a considerarla di quando in quando, perché passata la fase “terapeutica”, e passata anche la bellissima fase del soviet, bisognava decidere cosa fare di questra strana abitudine, e di tutto quello che ci ha lasciato in termini di rapporti umani.

    Io non penso che ci siano scritti “seri” e “poco seri”, ma che ci sono sicuramente scritti che comunicano qualcosa oppure no. Qui la differenza la fa il bisogno, o la voglia, o tutti e due, di raccontare, di discutere, di ridere insieme, di comunicare appunto. Senza i quali però né un blog né una scrittura più “seria” possono essere più che un esercizio di calligrafia.

    Personalmente ho deciso, almeno per il momento, che ho ancora tante cose da raccontare.
    (per chi vuole ascoltare, e al culo tutto il resto)

  5. ho semplificato la mia scrivania e il tuo link è rimasto, mi spiacerebbe assai che cliccando venisse fuori una assenza. Peserebbe. Poi si scrive quando serve e ovunque ci porti la testa.

  6. l’ho pensato tante volte e poi sono sempre ritornata sui miei passi. almeno sino a ora. credo per motivi diversi ma non cambia molto. non mi pongo obblighi in questo campo. scrivo solo e unicamente quando posso, voglio e ho qualocsa da dire. niente di più.
    a me piace passare qui a leggerti, quindi mi associo a quanto detto da Willy.

  7. allora tifo per le ricadute.
    Hic!

  8. Adesso che ti ho scoperto te ne scappi via?
    Così è la vita qualcuno mi risponderebbe … appena pensi di averla acchiappata ti è già sfuggita dalle mani e di nuovo la rincorri.
    E’ stato un vero piacere conoscerti.
    Ale

  9. oh, ziofà, cascano come foglie d’autunno…

  10. Di Amicizie con la A maiuscole ne annovero poche nei miei 45 anni.
    Ognuna di esse peró mi ha insegnato molto, alcune cose fondamentali.
    Tra queste, che la vera Amicizia puó vedere i protagonisti allontanarsi per periodi lunghi salvo poi ritrovarsi come se fosse trascorsa mezzora.
    Tra le amicizie con la A maiuscola voi ci siete.
    ste965, non chiude no.
    Neanche la casa sul Po.

  11. ciao cavalieri della tavola rotonda :))….vi lascio blowing in the wind..che è una delle canzoni più belle mai scritte..la risposta di dove andremo la sa il vento, io comincio a spolverare un oggettino da rifilare a qualcuno di voi nella lotteria alla prossima festa della casa sul po…
    vi abbraccio forteforte..che magari domani c’è da raccontare qualche storia e sono di nuovo qui..the answer is blowing in the wind ….

  12. ci terrei a sottolineare che anche se DeliziosaMinnie dovesse chiudere i battenti, Minnie resterà deliziosa comunque

  13. non e` mai il caso di commentare le scelte personali, specie delle persone intelligenti, che ponderano e meditano sempre le cose che fanno.
    la vita e` fatta di episodi, puntate, fasi, si vede che questa doveva concludersi.
    non senza dispiacere, questo mi permetterai di dirlo.
    saluti cari.

  14. eddaiiiiiiiiiiii 😦
    no, eh.

  15. ueeeeee………MICA HO DETTO CHE CHIUDO..ho detto che stavo pensando che è come si stesse per chiudere una storia d’amore..POI MAGARI MICA SUCCEDE EHHHH………e come dice pipù, altra capricorna, io rimango io E C’AVETE PURE IL MIO NR DI CELLULARE :)))))

    besos, muchaciti

  16. ah bene. Avevo temuto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...