motherfucker , post assolutamente scorretto

willyco giorni fa ha scritto un post che conteneva in poche righe il meglio del pensiero maschile verso le donnemamme…ma le mamme sono donne ?

minchia, mi sono detta.

siamo ancora qui, siamo ancora a chiederci quale ruolo assegnare alle donne , che un ruolo le donne lo devono per forza avere ehhh..

.e a seguire ma le donne che hanno avuto questo ruolo da madonne detestano le donne che non hanno messo al mondo un novello gesù bambino??..

.e poi…ma le donne dei maschi sono più stronze perchè difendono il loro cucciolotto anche se questo ha 50 anni ed è un puttaniere conclamato???

ora, a me willyco sta anche simpatico, c’ho fatto lunghe chiaccherate, è un uomo attento , ma ste domande, robertì, come ti sono venute???

per quale motivo io che ho avuto tre figlie dovrei essere in conflitto o sentirmi superiore a una che ha deciso di non avere figli?

non so, mi sembrerei scema ad esserlo : entro in conflitto con un’altra femmina per altri motivi, non per il suo utero o il mio. non m’interessa se lei ha deciso di non proiettare se stessa in un pargoletto, se ha pensato che è meglio la carriera , che alzarsi di notte per un esserino frignante è una palla, che un gatto è più rilassante, che alle vacanze a capo horn non rinuncio : sono scelte di vita assolutamente personali :  magari lei non capirà me quando ancora adesso racconto con aria rapita della bellezza di assomigliare ad una balenottera spiaggiata quando sei incinta di otto mesi, quando dico che facevo le torte a forma di orsetto e il martedi pomeriggio ero in biblioteca per i pomeriggi di lettura dei treenni che notoriamente  non leggono e si tirano mazzate con i libri, e altre amenità che fanno la fortuna di tanti blog mammeschi …

siamo donne, noi mamme?

nel senso che una che ha partorito da 15 giorni ha voglia di mettersi una tutina latex e giocare a bdsm?

nel senso che quando tua figlia ormai ha 10 anni magari è ora che dorma nel suo letto e non in mezzo a te e a suo padre?

mamme for ever e mai più ammaliatrici, seduttrici, mata hari , per non farci sfuggire lo sposo?

non ho risposte, willy.

non sono stata una brava moglie, non mi sono messa la tutina di latex dopo 15 giorni dall’aver partorito, ho passato un paio d’anni ad essere sempre incinta ed assomigliare ad una balenottora spiaggiata, non sarò la mamma di un figlio maschio da difendere ad oltranza da una nuora erinni, ho amiche che non hanno figli e con cui sono in sintonia.

sono una mamma?

alle volte paio una tigre, azzanno e tiro fuori le unghie, per difendere le mie creature.

ho smesso da tempo di fare le torte a forma di orsetto e ho avuto la gran fortuna di usare i pamper’s e non i pannolini biologici.

c’è una frase che ha detto Camilla ad una mia amica quando ho ritirato il mio pacco di libri

sai dit, se la mamma fosse rimasta con papà, non sarebbe qui.

c’è una cosa che non mi spiego , però..

non ho mai sentito dire ad una donna

ma tu che sei padre sei anche un grande maschio ?

Annunci

19 risposte a “motherfucker , post assolutamente scorretto

  1. Credo che Willy non volesse dire proprio questo, Cristina.
    Una nota devo averla colta anch’io, se ho risposto molto sinceramente, come sempre.
    E, cioè, che io sono mamma quasi per caso, non avendo mai voluto esserlo a tutti i costi.
    Avere figli non è mai stata una mia urgenza, ma la vita, a volte, segue percorsi diversi, e lo fa per insegnarci delle cose.
    Personalmente, e qui torno finalmente sul “generale”, la maternità è una scelta. Nessuno provi mai ad inchiodarci ad una vocazione imprescindibile, perchè così non è.
    Buona domenica. 🙂

  2. questa è solo una risposta delle tante possibili..c’è sempre la tendenza nei maschi a volerci inchiodare a qualche schema..come fosse più facile controllarci, capirci..come dire, ecco perchè non sei taaaaanto seduttiva, sei una mamma!….willy ha dato lo spunto per un ragionamento, e spero che capisca che questa è solo un pensiero mio.
    buona domenica sera anche a te, nico…

    latte caldo e grissini…

  3. Sono partito da una osservazione sulla scarsa solidarietà tra donne in certi contesti come se tutto il pensiero sul genere si infrangesse sul ruolo. Poi mi faccio qualche domanda sulle madri e magari sulla loro attitudine a lasciar andare i figli. Mi pare che anche dopo Freud molti tabù siano rimasti tali, forse perché sono zone non praticabili,difficili da scandagliare. Magari provo a scriverci qualcosa di meditato. Di una mamma in latex il maschio adulto vede il latex 😉

  4. cara minnie, mi piace cio` che hai detto e come.
    non sono spesso in sintonia con te, ma certe cose le dici come vanno dette, senza mezze misure.
    quanto al bdsm, giuro che dal basso della mia ingenuita` pensavo fosse un gioco di ruolo nuovo e pensavo, guarda te la minnie come sta all’avanguardia, poi ho cercato e sono arrossita, sono strana io, arrossisco per cose idiote.
    ma del resto ho detto che non siamo in sintonia spesso…
    sulla scarsa solidarieta` fra donne pero` non posso che dire che e` vera, non ci amiamo troppo, di solito competiamo anche per come indossiamo un calzino bucato.
    ma per fortuna alcune amiche restano e non discriminano se sei mamma o no per dirti che donna sei.

  5. trovo vergognoso competere sulla maternità..forse perchè conosco il dolore di non poter diventare madre. Ho qualche perplessità su chi mi dice che non ha figli perchè non trova un uomo adatto…ma io sono una ragazza madre e quindi sull’uomo adatto ho idee garibaldine 🙂
    il bdsm è un gioco pericoloso, di cui ho visto effetti devastanti su un paio di amiche mie…ma c’è la versione light…da casalinghe….e quella, cara emma……quella è divertente 🙂

    piovischia, benedetta primavera 🙂

  6. beh mo’ proprio dopo 15 giorni….
    e a Willy dico che una cosa che noi donne non capiamo è esattamente questa: ‘Di una mamma in latex il maschio adulto vede il latex’
    🙂

  7. Credo che ogni donna sia un discorso a sè.

  8. sicuramente, Lanza. ma ci sono cose che ci accomunano, che ci legano, che rendono sorelle. forse questo i maschi lo capiscono poco, così abituati ad essere competitivi, ad aggredire, a marcare il territorio.
    l’amicizia che si crea tra donne è uno dei misteri che gli uomini vorrebbero capire, perchè anche lì non riuscite a comprendere le emozioni che vengono scambiate, i discorsi vi paiono strani..il linguaggio perduto delle gru 🙂

    michela cara, speriamo willy ripassi e ci spieghi il latex 🙂

    la primavera è iniziata, noi qui abbiamo un bel cielo grigio chiampa…che s’intona con le giacchettine pied poule grigie del nostro caro sindaco..il chiampa, appunto..

  9. anche tra uomini c’è amicizia, e anche quella è un mistero per noi…
    non credo che ci siano atteggiamenti particolari tra donne che hanno avuto figli e donne che no, vero è però che spesso tra donne ci sono antagonismi e perfidie per futili motivi, e non sempre c’è solidarietà, specialmente quando le donne salgono in carriera, anzi.

  10. Minnie esemplifica chiedendosi se essere mamma e donna significhi : … una che ha partorito da 15 giorni ha voglia di mettersi una tutina latex e giocare a bdsm?
    Pur lasciando alle inclinazioni personali la scelta su come essere post partum, se una donna si mette una tutina di latex, lancia un messaggio ben preciso, e se il messaggio viene capito, dov’è la meraviglia?
    Sull’amicizia tra donne, tra uomini e mista magari apriamo un ragionamento a parte, ma mi piacerebbe scavare un po’ di più sul rapporto tra l’essere madre e l’essere donna, e come questo cambi con l’età dei figli. Sulla solidarietà di genere mi pare sia una semplificazione romantica che supera la realtà.

  11. parliamone, willy..scriviamone..tra amici, come sempre 🙂

    quanto all’idea romantica…come sai, io ho amiche dai tempi delle medie…40 anni sono più di un matrimonio…e la solidarietà esiste laddove c’è stima, prima di ogni altra cosa…

    animuccia l’amicizia tra uomini è più rude, meno raffinata, si parlano meno delle loro cose intime, per piangere hanno bisogno di ubriacarsi, e poi ancora…a 15 anni mi scambiavo anche le mutande con la dit..difficile che lo facciano tra ragazzi..non è meglio o peggio..è.

  12. Grazie della visita. Ricambio incuriosita e rifletto…Il tema è d’una semplicità ostica 🙂
    Ci penso intanto.

  13. certo, è una questione complessa

  14. indubbiamente, marina.

  15. Sinceramente mi accorgo soltanto ora che non avevo mai pensato a questa questione.
    Cioè, il mio atteggiamento nei confronti delle donne prescinde completamente dal fatto se siano anche mamme oppure no.
    La maternità è una scelta, che a volte (il più delle volte, a dire la verità) viene condivisa con il rispettivo partner (uomo, in gran parte dei casi, ma anche donne).
    Può essere una scelta che arricchisce (in senso affettivo, non certamente in quello economico), oppure che distrugge.
    Sono donne le mamme? Perché, c’è ancora qualcuno che ha dubbi in proposito?
    Boh… io la penso così. Sarà per questo che le donne mi stanno alla larga…

  16. Mah sono andata da Willy a leggere. Il mio unico problema è nella brevità del suo post, chiaro io sono prolissa – è un fatto noto. Quando si è brevi si è apodittici, e quando si è apodittici si rischia di far sembrare che si pensino delle cazzate. Per esempio che non si sappia distinguere tra natura e cultura, per esempio che le persone con cui collabora willy nel suo contesto siano cloni di tutta l’umanità cosmica. Che i clichet siano una poltrona comoda – per lui, viene da aggiungere. Non riconosco tutte le donne nel suo post, e solo un certo tipo culturalmente determinato.
    Personalmente mi credevo sto cazzo prima, un figlio mi ha cambiato poco la presunzione.
    In ogni caso, so bene che Willy non è un uomo nè stupido nè superficiale. Ma capisco la reazione di Minnie, mi ci ritrovo. Ho un moto di fastidio piuttosto cospiquo quando sento le donne dire “gli uomini così, gli uomini colà” fastidio minore che mi provoca la produzione di stereotipi sulle donne, perchè a quegli stereotipi si correla una disparità di potere.
    Alla donna che prima è mamma poi è altro, ricordo, si correla lo stipendio diverso, il mobbing sul lavoro e talora anche un ber paro de corna.

  17. applauso a zauberilla..che con le due righe finali sintetizza benissimo la situazione.

  18. Pingback: il sasso in piccionaia « Willyco

  19. a me non molte settimane fa una persona ha chiuso un discorso dicendomi: ricordati che sei prima mamma e poi donna.
    beh… non che mi sia piaciuta molto quest’uscita.

    io non credo sia un conflitto tra chi ha scelto di mettere al mondo figli e chi no, ma un conflitto tra intelligenze e sensibilità e qui è più dura la questione

    ma il discorso si fa lungo ed io mi dissolvo in fretta in sto periodo

    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...