ma se sei terra ridi al sole e vai a caccia di bau ,in aprile.

lei infila steve nel passeggino con una delicatezza e un amore da mamma , il biondino afferra il triciclo dice, oddio dice, vabbè dice, andiamo a vedere i bau.

non avendo mai visto un cane, i gatti fanno bau : lapalisse.

clank clank clank sbam sbam sbam, fate ciao ciao bimbi.

io e carmen sembriamo le zie a spasso con i nipotini, a caccia di bau.

i bau stanno vicini ai cassonetti dell’immondizia, bracci maschili.

l’aria è calda, il sole fantastico, nei prati geometrici sono spuntati i nontiscordardime e le margheritine.

spingere passeggini è una cosa che so fare benissimo, il biondino corre, carmen si trascina il triciclo : mi racconta che ha un piccolo giardino a casa sua che ama coltivare, e un bau vero, una pastoressa corsa, suade.

eccola la colonia dei gatti : diffidenti, si avvicinano ai bambini eccitatissimi, il biondo li chiama , ma essendo gatti non capiscono il bau e lo guardano straniti, il piccolo batte le manine e sbava, bavaglino, soffiamo pure il moccio al naso.

un paio di uomini in gabbia ci salutano ciaobellesignore, seeeeee belle per forza per uno che non vede una donna da mesi.

i bau non si fanno toccare, cosa sana visto dove vivono, e l’attenzione è deviata dal camion dell’immondizia che viene a svuotare i cassonetti : una meraviglia stare a guardare i pistoni che sollevano il cassone, le forche afferrano il contenitore, lo svuota, rumori forti, rimette giù, sbaaaaammmmmm…..

vediamo svuotate circa 10 cassonetti dell’immondizia, con quella pazienza zen che ti trasmettono i bambini, ogni gesto ripetuto, uguale  a se stesso, tranquillizzante.

raccogliamo nontiscordardime per un’assassina e una ladra.

clank clank clank sbam sbam sbam : tornano i bambini carcerati, tornano con i fiorelli di aprile in mano, tornano per raccontare dei bau e dei cassonetti dell’immondizia.

aprile uno se lo puo’ raccontare come vuole, come dannunzio, come una scopata, come la rinascita, come quei teneri fragili fiorellini che spuntano miracolosamente, oh my god.

ma se sei terra  ridi al sole e vai a caccia di bau,  in aprile.

Annunci

4 risposte a “ma se sei terra ridi al sole e vai a caccia di bau ,in aprile.

  1. Penso che quello che fai per quei bimbi sia molto bello.
    E che tristezza sapere che per loro è uno svago guardare i gatti e tornare in cella dopo aver raccolto mazzetti di fiori.
    menomale che non li separano dalle mamme.
    Notte, Cristina.

  2. ciao nì. ho pensato molto a quello che faccio. non per i bambini. per me. sono entrata in un mondo che non conosco, che non è il mio. è il mondo di chi vive male, di chi ruba, ammazza, trasporta droga. un mondo che ti obbliga a rimanere con le tue idee ben ancorate alla banchina, non si gioca, non si seduce nessuno.
    ascolti. ti domandi : ma se una ha ammazzato un uomo come fa ad essere tenerissima con il suo bambino? quali sono le dinamiche che si scatenano? e poi è stata lei o ha coperto altri?.
    i bambini sono una meraviglia, ti abbracciano, sono sempre in braccio, piangono quando vai via.
    me li sarei già rapiti tutti.
    potessi. 🙂

  3. mah….è difficile. ovvio che ci sono necessità sociali, per cui bisogna proteggere la società e stabilire delle regole, ecc., ma fino a che punto CHIUNQUE è “capace di intendere e volere” quando uccide un altro”? la legge tutela l’ordine sociale, e trova attenuanti in casi particolari, in cui appunto non c’è questa capacità, ma penso che in quei momenti non ci si renda conto davvero di uccidere, di togliere per sempre la vita a una persona, non ragioni più. quindi, sì, puoi essere un’assassina e amare teneramente tuo figlio, e altri….i bambini, eh, i bambini, per loro tutto è nuovo e sorprendente – peccato crescere.

  4. e una che fa i viaggi con la coca nella vagina a 18 anni, per 30,000 dollari, è meglio o peggio ? chi si schianterà nel cuore della notte dopo essersela pippata?
    non ho visto dentro i signori della guerra : i bresciani che costruiscono le mine antiuomo, i mitra, le bombe al fosforo …
    quelli non ci sono…come mai?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...