non si ammazzano così anche i tonni?

non riesco ad essere indifferente quando ammazzano una donna. sarà che per due anni ho rischiato di fare la stessa fine, e in fondo, come dice la dit, un po’ a rischio lo siamo ancora, noi perseguitate.

ieri ne hanno ammazzata un’altra : il solito ex, che 5 anni fa l’aveva già accoltellata : una miracolata, una morta a cui sono stati regalati una manciatina di anni.

si era fatto 2 anni di carcere , l’ex, poi era stato rimesso in libertà, ritenuto riabilitato. neanche con un obbligo di confino da qualche parte, no, rimandato a casina sua. peccato, veramente peccato, che non fosse riabilitato. che la sua ossessione fosse sempre lei. e aveva ricominciato. pure lei, aveva ricominciato. con gli esposti, che servono ad una cippa di niente.

alla fine la morte ha trionfato : accoltellata, et voilà.

mi piacerebbe parlare con uno di quei giudici : uno di quelli che ritengono che un perseguitatore possa vivere nella stessa città del perseguitato, e che dopo una prima nuova denuncia non si faccia nulla, si lasci il silenzio come sudario.

ogni tanto concita ne scrive nel suo blog sull’unità , della mattanza .

stasera, accoccolata sul mio divano comodo, penso alle sorelle che in questo esatto momento camminano contro il muro per non farsi sentire, si spalmano di lasonil per far andare via i lividi, stanno raccontando a qualche brigadiere annoiato la loro storia di violenza, preparano la cena dicendo ai bambini state bravi che papà è nervoso.

e tu, sei veramente guarito, o un giorno sbucherai dal nulla e mi pianterai un coltello nella pancia?

 

 

Annunci

16 risposte a “non si ammazzano così anche i tonni?

  1. Qui non c’è discussione possibile,queste non sono persone ma bestie.Resta solo da dire che per chi ha avuto la sfortuna di imbattersi in un tipo così non c’è confino che tenga.O vivi tipo “Programma protezione testimoni” oppure devi sperare che gli diano l’ergastolo:a questo non sono bastati cinque anni per dimenticare.

  2. Spero davvero che non ti capiti mai. Qualche sganassone, ogni tanto, l’ho beccato anch’io. Quando avevo una ventina d’anni lasciai il mio ragazzo dell’epoca perchè era manesco, e una volta mi aveva spaccato un labbro con un pugno.
    Se un uomo è ammalato di violenza non c’è riabilitazione che tenga: prima o poi tornerà a colpire. Lo tengano presente, i giudici.

  3. io botte mai prese, nico. però quell’altra violenza sottile, non mi lasciare perchè muoio, perchè dopo tutti questi anni mi vuoi lasciare, perchè perchè? e i pedinamenti, i numeri di telefono scoperti, i soldi mai versati come ricatto così morite di fame. estentuante, nico. non so se sono bestie, lanza. perchè in fondo le bestie uccidono per sopravvivenza, per mangiare, perchè hai invaso il territorio. e neanche ignoranza, in quanto ci sono tutte le categorie sociali rappresentate in questi bravi ragazzi. capisco che le carceri scoppino , ma io li metterei dentro al primo sms , alla prima sberla. e poi al confino, a eboli, a stromboli, o..a sant’elena. che da sant’elena non tornò manco napoleone. e ultima cosa : denunciateli, sempre, anche per una frase, sempre, non ci si deve mai arrendere. anche solo per una parolaccia urlata, va bene. per essere più forti, sempre.

  4. p.s. ovviamente vale anche per gli uomini ossessionati dalle donne, da quelle che continuano a perseguitare il poveraccio che ha avuto l’ardire di mollarle. ne conosco una, sono 5 anni che continua a mandare almeno 3 sms al giorno al suo ex…e questo sta zitto. probabilmente è la controfigura di san sebastiano 🙂

  5. E’ capitato pure a me di essere assillato da una tipa.Però credo che l’uomo calcoli meno probabile il rischio fisico (a volte sbagliando))e aspetti che la cosa si esaurisca da sè.Infatti tutto è finito dopo un paio di mesi di telefonate notturne.Francamente mi sarebbe spiaciuto farle avere delle grane,non era cattiva nè violenta

  6. eppure sai che ci sono donne picchiate regolarmente che dicono che il loro compagno in fondo non è cattivo. perchè lui dopo piange, dice perdonami. ho letto un libro tremendo di concita de gregorio su questo rapporto sado-masochista tra uomini violenti e donne che accettano, malati entrambi. laddove c’è un carnefice c’è una vittima consenziente, dicono. bisognerebbe andare a vedere perchè lei è consenziente, la sua autostima, fare un percorso. dirle che tra un uomo e una donna ci puo’ essere la passione senza la violenza, senza il prevaricamento : una questione alla pari. a noi pare normale, ma non lo è. i dati sulla violenza degli uomini sulle donne in italia sono alti, e sono solo la punta dell’iceberg, sono solo quelle che denunciano.
    alle volte penso che mi piacerebbe fare qualcosa con telefono rosa, poi mi dico che non sono adatta : sarei violenta pure io nel convincerle ad andarsene, e non è detto che sia quello che vogliono loro. la mia storia è la mia storia, non puo’ essere la ricetta buona per ogni influenza 🙂

  7. p.s. ho fatto un giro sulla stampa on line. a genova ingegnere strangola la sua compagna di 44 anni, farmacista. altro giorno, altra morta.

  8. La sudditanza economica credo sia ancora uno dei motivi per cui molte donne accettano i soprusi.Però se hai un lavoro,guadagni e ti gestisci i tuoi spazi ci sono uomini che si sentono sminuiti e siamo daccapo.

  9. Ciao, tocchi un argomento bruciante, per te donna e per un uomo che ti legge.
    Alla fine siamo tutti d’sccordo: è uno schifo, sono bestie e non uomini etc etc.
    Non mi piace nemmeno così o forse non mi basta. Una bestia non la fermi mica con le parole, ci vuole una martellata sui denti. Esagero? Forse, chissà ma di queste parole e di queste buone intenzioni sono piene le fosse delle donne uccise da folli in preda a crisi di gelosia e possessività.
    Dici poi alcune cose che mi danno però fastidio: parli di Concita di Gregorio e dell’Unità come di una persona che veramente difende le donne e di un foglio che ha fatto realmente qualcosa di concreto per loro. Quando scusa? Negli ultimi 30 anni cosa ha detto e fatto la sinistra e le femministe cosa hanno prodotto? Vorrei che si aprisse un dibattito serio ma temo sia impossibile. Ti dico con franchezza che la sinistra in questo paese a parole ha difeso talvolta la libertà e la parità sociale delle donne salvo poi, un attimo dopo, scordarsele allegramente per difendere tutte quelle ideologie come L’Islam, che delle donne hanno fatto da sempre carne da macello (la Di gregorio credimi non fa eccezzione). Dai con una mano e togli con l’altra. Stesao musica per la magistratura che rimette lgli stronzi in libertà e non paga mai i suoi errori: ti risulta che l’ Unità o altri fogli della sinistra da salotto e di tendenza abbiano mai preso una posizione reale contro queto tipo di situazioni? A me non risulta, ergo penso che proprio dalle donne progressiste e dalle forze in cui esse militano non giunga nessuna prova di reale aiuto alla condizione femmininile, penso che siano solo balle buone a far bei discorsi, a suscitare sdegno nei blog, a far dire che schifo e che brutto… La responsabilità dello sgozzamento della donna di cui parli ce l’hanno in due l’assassino che aveva il coltello in mano e il magistrato che a caldo nel suo ufficio lo ha rimandato a casa. L’uomo col coltello finirà in galera ( ma uscirà sai, la buona condotta si vende un tanto al chilo) il magistrato continuerà a far carriera: anche alla faccia tua e della sexy Concita- Ciao

  10. ciao Piero, discorso lunghissssimo il tuo. Non si fa abbastanza, per non dire nulla, su questo discorso. Le leggine ci sono, ed è una materia legislativa questa, al di là dei discorsi femministi : perchè non sono 2 cortei femministi a fare una legge. Io non leggevo l’Unità prima di Concita quindi non ti so dire: regolarmente leggo il suo articolo di fondo messo nel blog e mi trovo quasi sempre d’accordo con lei. Su questo argomento ha scritto molte volte, a differenza di altri direttori, e denuncia sempre questa mattanza.
    c’è poca voglia anche nella polizia a prendere la denuncia e su questo ho esperienza personale : o arrivi massacrata o solo per ingiurie ti guardano come fossi una marziana.
    i giudici….l’ho scritto. loro li capisco poco, se non altro li manderei al confino subito i maschi violenti.
    ma questo è un paese dove la giustizia è fatta a modo suo: o è estrema o è all’acqua di rose…o ti arresta il ragazzino per un paio di canne e permette che lo ammazzino di botte o trova 1000 cavilli per tener fuori i grandi corruttori.
    alla fine le donne pagano pegno, Piero.
    anche di te che scrivi sexy-Concita…è un direttore di un grande giornale e non è una cocotte buona per berlusconi.
    il rispetto per le donne è anche questo.
    buona serata.
    cristina

  11. E lo sapevo, tocchi un certo tipo di argomenti e a cascata ne vengono fuori altri. E’ diventato difficile contrapporsi senza litigare. Ma io non litigo, ho litigato? Tu hai litigato? Abbiamo forse idee diverse e diverse sensibilità.
    – “alla fine le donne pagano pegno, Piero.
    anche di te che scrivi sexy-Concita…” Scusa non capisco, vuoi forse dire che dire ad una bella donna che usa il suo sexappeal sia un offendere la categoria?
    La di Gregorio lo fa, se lo facesse una donna della parte opposta verrebbe definita una puttana. Io non ho detto questo e non me ne frega niente delle cocotte del Berlusca. Io dico che dal pulpito della Di gregorio per me certe prediche suonano stonate.
    – La cosa forte del mio commento sta proprio lì: la sinistra e le donne di sinistra tradiscono per motivi a me sconosciuti le idee di libertà e uguaglianza che a parole propugnano. Ciò non fa di loro delle cocotte di nessuno e nemmeno delle prostitute libere, fa di loro delle ipocrite. Che secondo me è più grave.
    – Quando una donna che politicamente conta e informativamente pesa farà un casino d’inferno dentro le strutturein cui opera, si legherà davanti alla casa del magistrato che libera un potenziale assassino o davanti all’ambasciata dell’Iran o di altri paesi arabi e dirà fate schifo, allora io tornerò a comprare l’Unità, ch resta un giornale di partito, per me un gradino sotto il giornailismo che amo ( parere personale).
    -Il rispetto delle donne comincia da qui. Ciao e scusa se ti ho rotto.

  12. letto l’intera storia domenica aspettando il veterinario. un horror delirante. non ci sono parole

  13. vedi Piero tu sei andato su un discorso diverso da quello di partenza. io parlo di violenza nei confronti delle donne e lì non c’entra essere di sinistra o di destra o papisti o mussulmani : le botte e i martelli che sfondano cervelli non votano. quindi inutile che ti arrampichi sui vetri tirando la giacchetta di qua e di la. ho parlato di uomini che ammazzano le donne come se fossero tonni in una tonnara e di una direttrice di un giornale (e non mi interessa sapere se è una figa o no) che spesso ne parla.
    il giorno che leggerò un articolo scritto da feltri su questo argomento dirò che feltri ha scritto sulla mattanza, non che quel gnocco di feltri ha scritto…
    ciao any…un abbraccio a te, come sempre.

  14. altro tonno. lui 55 anni, commercialista, lei 53, ex ex compagna. lui voleva tornare con lei. lei no. le ha scaricato un intero caricatore addosso.
    poi si è sparato, con l’ultima pallottola.

  15. Capisco. Capisco bene e non insisterò più per indicarti che il tema sia del primo che del secondo commento era per me un altro. ciao PIERO

  16. Ciao, è una cosa orribile subire violenza da parte di quello che si è considerato il proprio compagno. A me per fortuna non è mai capitato. Alcuni uomini soffrono di vere patologie e non sanno, anche quando si rendono conto di quello che fanno a chi riovlgersi. A firenze è nato un centro per riabilitare gli uomini maltrattanti. E’ un’altra via.
    Ciao
    gianna
    http://www.centrouominimaltrattanti.org/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...