preventivamente, potrebbe, sig. gasparri, andare affanculo?

Suggerireri al ministro gasparri di andarsi a vedere un vecchio film argentino, le matite spezzate, che racconta cosa facevano i militari argentini agli studenti sovversivi comunisti.

C’è molto da imparare, in quel film. Le torture, la violenza che non voglio dire bestiale perchè le bestie sono un’altra cosa, il degrado.

C’ avete tentato con la diaz e la notte di genova, ma ripetere, dopo che era riusciuta così bene quella notte, è una gran bella soddisfazione.

Consiglierei al ministro gasparri di arrestare preventivamente anche i bambini dell’asilo nido, che hanno dentro di loro i germi di potenziali terroristi quando colpiscono il loro piccolo vicino con il martello di gomma : da lì si vede l’indole ehhh, gasparri.

Potrebbe, sempre preventivamente, arrestare anche noi genitori che abbiamo allevato una simile schiatta di disgraziati , così da ripulire le strade da altri comunisti guerrafondai.

Ovviamente nessuno dei nostri figli è nipote di mubarak, quindi le possibilità di essere tirati fuori con una telefonata sono ridotte a zero, stia tranquillo, gasparri.

Non oso pensare che uno possa chiedersi che un motivo se tutta l’Italia sta protestando per una riforma dovrebbe esserci : richiede un passaggio logico che manca a voi del governo.

Nel frattempo sto comprando arance, da portare a Violetta, quando verranno gli sgherri di notte ad arrestarla : preventivamente, naturalmente.

la saluto, preventivamente, e mi onoro di non aver mai dato il voto a della gentaglia come voi.

MariaCristina B.

Annunci

17 risposte a “preventivamente, potrebbe, sig. gasparri, andare affanculo?

  1. ………….è incredibile la distanza siderale che c’è ormai tra la gente e i politici, due mondi diversi e incomunicabili. proposte come questa fanno venire veramente i brividi. non è ammesso neanche il diritto di dissentire.

  2. chissà che faceva Gasparri a quell’età, chi frequentava, se e come manifestava. I politici sono immemori per definizione, questi sono ciechi ed insensibili. Ieri sera in un punto D’Alema da Fazio, m’è piaciuto, quando ha detto che Gasparri non lo commenta, non l’ha mai commentato. Un po’ di spocchia serve, eccome se serve.

  3. gasparri avrà fatto il picchiatore fascista così come la russa, alemanno e tutta la banda…così come quel ragazzo che ha colpito il ragazzino con il casco in faccia e poi ha fatto il saluto al fascio. gasparri ha detto che ci sono potenziali assassini : faccia capire dove. forse tra gl’infiltrati : a genova morì uno solo, che non era un poliziotto, nè un fascista, nè un black bloc…guarda caso.

  4. sì, so che gasparri era un picchiatore, come dice minnie, come il resto della banda, appunto. conosce bene la piazza, ah sì.

  5. Arrestare i bambini del nido? Vedi alla voce Erode

  6. uno che dice…tenete a casa i vostri figli perchè ci sono ASSASSINI in giro che razza di ministro della Repubblica è? Erode era meglio…

  7. Gasparri uguale ad Erode? In base a quale terribile frase scusa?
    I cosidetti studenti che vanno in piazza già pronti alla guerra come li chiami tu, eroi? Vittime? O semplicemente criminali travestiti da studenti? I potenziali assassini ci sono eccome, non li vedono solo quelli come te. D’altrocanto un certo modo di fiancheggiare la violenza canmuffata da valenza politica è un vostro vecchio vizio.

  8. strage di INNOCENTI ti dice nulla? erode fece ammazzare tutti i bambini perchè non sapeva qual’era quello “pericoloso”, se Gasparri sa già chi sono i violenti, li tenga sotto controllo, li isoli e al minimo accenno di violenza li arresti.
    Ps: non è il mio blog e schiedo scusa a Minnie se mi permetto, ma la prossima volta, prima di lasciare un commento, passa in macelleria, il fegato lo vendono a buon prezzo, chissà che poi non ti firmi…

  9. PIPUFFA- sei piuttosto agitata e censoria sai. Anche piena di attenzioni protettive verso questo blog dove a quanto pare esprimere civilmente un’opinione diversa ti fa andare in tilt. In macelleria vacci tu e la firma me la sono colpevolmengte scordata: sono Fabio. Detto ciò cerca di essere meno violenta perchè si comincia con le parole e poi si arriva alle p38 o ai massacri in piazza. Ma a te possibile che la violenza, i caschi integrali, le spranche non ti facciano orrore?

  10. …le spranche si!

  11. Ma a te possibile che la violenza, i caschi integrali, le spranche non ti facciano orrore? Assolutamente si, di qualunque parte. ero piccola, ma il clima degli anni 70 lo ricordo bene
    piuttosto agitata, ma assolutamente no. cerca di essere meno violenta l’agitazione e la violenza sta negli occhi di chi legge, in questo caso.
    un’opinione diversa ti fa andare in tilt. come diceva buscaglione, mi rido tutta
    adios fabio

  12. credo abbia già detto tutto lei quel che c’era da dire.
    ma, soprattutto, hanno detto e fatto loro, i figli.
    ciò la lacrima facile, di questi tempi, e mi sono commossa come una scema.

    Grazie, figli
    di Concita De Gregorio

    Grazie, figli, di questa lezione memorabile che avete dato a noi che solo per voi lavoriamo e viviamo e che per voi avevamo paura, dicevamo va bene vai ma stai attento, come sempre avremmo voluto essere al posto vostro per aiutarvi e proteggervi e chissenefrega oggi di destra sinistra e centro, l’unica cosa che conta è il vostro futuro e il futuro è di tutti, anche – avete visto – di quei poliziotti e di quei finanzieri che vi applaudivano al passaggio, ce n’era un gruppo sotto al ministero Gelmini che si è messo a scherzare vi ha detto “non vi fate fregare che dipende solo da voi”, sono gli stessi agenti che manifestano davanti a Montecitorio e ad Arcore, gli stessi che vi hanno scritto, sono ragazzi anche loro, ce ne sono tanti come voi anche fra loro. Non tutti, ma tanti. Avevamo paura per voi e insieme speranza, come sempre, e come sempre non potevamo esserci perché il tempo è vostro, adesso, e da voi dipende il nostro. Grazie di aver sconfitto con l’unica arma possibile, l’intelligenza e l’ironia, la minaccia grande e reale di chi ha cercato e ancora cercherà di farvi passare per estremisti, ignoranti, provocatori, di aver sconfitto la torva arroganza del fascismo di ritorno spiazzandolo, come vi avevamo suggerito e certo sappiamo bene che non è successo perché ve l’abbiamo detto noi però lasciateci la gioia di vedere incarnato un pensiero, un testimone che passa di mano, un’idea che si muove e da qualche parte, del resto, verrà. Grazie di aver reso ridicoli semplicemente ignorandoli quelli che chiedevano il sangue sull’asfalto, quelli che vi volevano arrestare prima, che volevano trattarvi da ultras, che vi temono e vi odiano perché non vi ascoltano, non sanno quanto sia difficile stare nei vostri panni perché non ci stanno mai, stanno nei loro. Grazie per aver pensato l’idea di libertà che lascia le trincee a chi le ha costruite. Così, a Roma, vi abbiamo visti in periferia, lontano dalla zona rossa. Vestiti da Babbo Natale, coi pacchi regalo su cui avete scritto “Lotta all’evasione fiscale”, “Riconoscimento delle coppie di fatto”, “Acqua pubblica”. Diritto allo studio, avete detto al Presidente della Repubblica. Avete visto, Napolitano ha aperto la porta. I nonni e i nipoti, sono anni che lo andiamo dicendo: è questa l’alleanza che salverà l’Italia. La saggezza dei nonni, la forza dei nipoti. Scriveva Luigi Manconi, ieri, che siete un vero movimento politico. Jolanda Bufalini Claudia Fusani e Maria Grazia Gerina sono state con voi e raccontano per esempio di Alessandro, che aveva al collo una poesia di Franco Fortini. Istruitevi, abbiamo bisogno della vostra intelligenza. Non fermatevi, la battaglia è appena cominciata. L’Italia siete voi. Restituiteci la dignità che abbiamo cercato in questi tempi di fango di tenere in salvo come i libri ai tempi delle alluvioni, le mani in alto. Bianche, le mani, come le vostre. È un Paese bello e onesto e dignitoso, il nostro, avete ragione. È un Paese migliore di quella gentaglia. Prendetelo, figli. Restituitecelo. Vi guarderemo portarlo lontano, dove merita e dove meritate.

  13. si sente un gran silenzio da parte di gasparri. quello che ci aveva detto..a) li arrestiamo prima i vostri figli, così preveniamo b) in alternativa segregateli negli sgabuzzini c) lo dico per voi che in giro ci sono gli assassini..minchia , gasparri, adesso che hai da dire, se non un silenzio imbarazzato, pieno di vergogna per essere stato sbugiardato dai ragazzi che vi hanno lasciato nella vostra zona rossa, dicendovi noi siamo la vita e ce ne stiamo fuori, voi siete vecchi e state lì dentro, coglioni.
    e come sfregio finale nessuno è andato a parlare da berlusconi, di cui nessuno nutre un briciolo di fiducia, nè da mary star, nè da tremonti. sono andati dall’unico che riesce ad arginare i barbari, le leggi mefitiche di alfano, l’unico che li ha accolti, ascoltati, e detto…farò quel posso.
    grazie a D e a Pipuffa..Fabio lassa perdere va, che è meglio stare zitti alle volte.
    un abbraccio grande anche a Concita de Gregorio, grande giornalista, e grande Direttore .

  14. un abbraccio grande anche a Concita de Gregorio, grande giornalista, e grande Direttore
    e pure una grande donna, và, sottolineiamolo
    bacibà a Minnie, Anima e D nonostante le vostre osservazioni violente… HA HA HA HA HA

  15. Io invece mi sono commosso per altre cose: la prima è che una blogger che di nome fa PIPUFFA e della quale non si può visitare il blog critica un anonimo che si trova nella medesima sitauazione, ma gioca fuori casa.
    La seconda è che la blogger in questione molto civilmente e democraticamente invita la padrona di casa a censurare un ‘opinione di passaggio. Posso chiederti se la tua capacità di ascolto e rispetto si ferma qui o scende più in basso? Io lascio perdere perchè mi rendo conto che la padrona di casa ha perfettamente ragione, scusate ma ogni tanto mi illudo che le nuove generazioni siano veramente nuove in questo paese.
    Adios signore. FABIO

  16. Io, Minnie e Anima “nuova generazione”… ri-ha ha ha
    E comunque il mio blog è assolutamente pubblico.

  17. nuova generazione, certo, pipù! 😀
    sottoscrivo tutto – la legge è passata, si sprofonda nel buio, ci si è provato, ad avere la fantasia al potere, con i fiori regalati, i cortei in periferia lasciando ai potenti le loro fortezze, i flash mob – ma questa è l’italia. da un pezzo non uso maiuscole, in questo caso se le avessi usate non l’avrei messa comunque.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...