I read

io leggo perchè ho preso il vizio. io leggo perchè non ho altro da fare. io leggo perchè siamo in pochi. io leggo perchè ho tempo. io leggo poco perchè non ne ho. io vorrei leggere di più. io te lo leggo negl’occhi. io leggo braille. io leggo veloce. io leggo a voce alta. io leggo perchè non mi piace alzare la voce. io leggo per addormentarmi. io leggo per sognare. io leggo al contrario. io leggo le carte. io le divoro. io rileggo. io leggo tutto d’un fiato. io leggo anche i bugiardini dei medicinali. io leggo che è un piacere. io leggo in piedi, in tram, in sala d’aspetto, in ascensore, a tavola. io leggo e annoto, sottolineo, segno. io leggo di nascosto. io leggo per fare dispetto. io leggo perchè scrivo. io scrivo perchè leggo. io leggo perchè cresco. io leggo perchè questo mondo non mi piace. io leggo per cambiarlo. io leggo quando c’è una storia. io guardo le figure. io salto le pagine. io leggo perchè mi faccio un’opinione. io leggo perchè un’opinione ce l’ho già. io leggo nel pensiero, negli occhi, nel futuro. io leggo e mi innamoro, io leggo per sedurre, io leggo per saperne di più degli altri. io leggo e qualche volta rido, qualche volta piango. io leggo e ci penso su. io leggo e approvo. qualche volta no. io leggo perchè c’è qualcuno che vorrebbe proibirlo. io leggo perchè almeno imparo qualcosa. io leggo perchè non mi costa niente. io leggo perchè mi diverto, mi rilasso, perchè mi sfogo. io leggo quel che mi pare perchè mi piace. io leggo perchè sento che mi fa bene.

io leggo punto e basta.

 

L7uhzjnEi5A

Annunci

7 risposte a “I read

  1. Leggi, ma scrivi anche !
    E bene.
    Sei impari anche a far di conto, hai svoltato !

  2. L’altro giorno, proprio pensando al leggere, mi sono fatta una domanda apparentemente stupida. Ho imparato a leggere in prima elementare, anche se qualcosina la sapevo leggere già da prima. Ecco, mi chiedevo come facessi prima di imparare a leggere. Certo guardavo le fugure, però…. Poi mi sono ricordata. Certo. C’era qualcuno che leggeva per me. E io ascoltavo.

  3. io leggo da quando avevo sette anni, e da quell’età mi compro i libri da sola..c’era un cartolaio sotto casa dove mio padre passava a pagare a fine mese (un’Italia diversa, che non esiste più 🙂 e ho cominciato con tutta la letteratura allora classica per ragazzi : colpo di fulmine per piccole donne, ovviamente. Mio padre mi regalò (mi ero innamorata dello sceneggiato in tv) david copperfield in edizione integrale medusa, adattissimo ad una ragazzina di seconda elementare : a parte qualche pagina, me lo lessi tutto. lui adorava leggere saggi storici, e in terza media mi sono letta la storia della famiglia krupp, e stralci di la storia del terzo reich. devo dire che in quegl’anni ero in grado di leggere cose micidiali, senza fare una piega. forse per quello che mi sono salvata da harmony :)…però quando scoprii certi libri di harold robbins e il sesso spinto me li divorai uno dietro l’altro…mica sempre duri e puri ehhhh………ciao jedi, sono ferma alla tabellina del 3, ma ho un caro amico romano che insegna qualcosa di strano a matematica a roma : secondo te vale lo stesso ?????
    buon sabato, qui c’è un tempo quasi ottobrino…siamo in autunno, babies 🙂

  4. mio padre ha una specie di biblioteca e io ho sempre attinto lì. non mi ha mai messo limiti e ho sempre letto quello che ho voluto. al limite mi dava qualche consiglio. ho scoperto la letteratura russa dell’800 all’inizio delle scuole medi e me ne sono innamorata perdutamente. e forse, anche per questo, ho saltato Harmony (mi domando se non dovrei colmare questa “lacuna” ora, arrivata ai 50 anni). quando non leggo significa che sto male e devo preoccuparmi. come un termometro. poi leggo un po’ di tutto, sia chiaro. ma da un po’ di tempo a questa parte ho deciso che leggerò solo quello che mi piace davvero. non sprecherò più il mio tempo. e rileggo. per assurdo rileggo i libri ch emi sono rimasti nel cuore.
    solo che una vita non basta. se dovessi rinascere vorrei una vita solo per poter leggere tutto quello che vorrei e che non riesco.

  5. non potrei non leggere, è la cosa migliore che ho, quella che non mi lascia mai, non mi tradisce, non mi stanca, mi porta via. quello che mi ha sollevato nei momenti peggiori. anch’io ho cominciato prestissimo e con libri veri, a volte mi sorprendo di quello che avevo già letto a 18 anni, rispetto a quello che succede adesso….

  6. io sono quando leggo, ed è così da sempre, da quando mi arrampicavo sull’albero di albicocche davanti a casa, con un libro e tre fumetti per il pomeriggio… sparivo alla vista del mondo e della gente, ed ero io, solo io.
    la gioia più grande è avere una figlia undicenne che ha già finito tutti gli Harry Potter ed ha attaccato Piccole Donne. una gioia.

  7. ho dato ai miei ragazzi da leggere un libro al mese. stavano per fare la guerra… “no, aiuto, mamma, un libro al mese ci ucciderà… ” ecc…
    o così o ognuno per la sua strada, ho detto loro. per adesso hanno accettato, ma mi sa che tra un mese, quando mi dovranno raccontare “due di due” di de carlo, mi abbandoneranno 😉 però intanto li ricatto con il latino e la fisica 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...